Seguici su

Bologna

L’altro spogliatoio: il Lecce di Marco Baroni

Pubblicato

il

fonte immagine: Twitter ufficiale US Lecce


Dopo aver trovato la prima vittoria della gestione Thiago Motta, in Coppa Italia, contro il Cagliari, il Bologna accoglie al Dall’Ara per l’11^ giornata di Serie A il neopromosso Lecce, guidato da Marco Baroni, e cerca la prima vittoria della nuova gestione tecnica, I giallorossi contano una vittoria in campionato, e hanno un punto in più dei rossoblù ed è già una sfida importante per la squadra di Motta affinché il treno salvezza non si allontani troppo dal Bologna.

MODULO. La squadra di Baroni si è dimostrata cliente difficile per diverse squadre di Serie A. Con un’anima offensiva e un modulo, come il 4-3-3 schierato dal tecnico ex Reggina, la formazione leccese ha mostrato carattere e qualità offensive importanti, tuttavia non è riuscita a convertire in rete diverse occasioni avute.

DIFESA AGGRESSIVA. La squadra di Marco Baroni ha carattere offensivo. La linea a quattro di difesa è aggressiva, alza il baricentro, aggredendo alti gli attaccanti avversari. I due esterni difensivi sono esterni di spinta, che amano sovrapporsi per essere serviti sulla corsa e arrivare al cross dal fondo.

FASE DI POSSESSO. Davanti alla difesa i giallorossi schierano il mediano Morten Hjulmand. Il danese, capitano dei salentini, è un mediano con grandi doti in fase di non possesso: forte fisicamente, in grado di leggere con largo anticipo le giocate avversarie, dotato di ottimo timing nei contrasti. È la barriera che permette al Lecce di avere equilibrio, si occupa della regia dell’azione, ma lascia i compiti offensivi alle mezzali, che spesso sono trequartisti riadattati nel ruolo di centrocampisti.

In avanti, il treno offensivo è formato il più delle volte da Ceesay (centravanti che nelle ultime settimane dopo un periodo di ambientamento ha trovato la vena realizzativa), insieme a Banda sulla sinistra, giocatore in grado di creare la superiorità numerica nell’uno contro uno, e poi Strefezza, vero diamante della formazione leccese, giocatore dotato di velocità, dribbling, personalità importante (è stato il trascinatore emotivo del Lecce nella scorsa stagione in B) e di un tiro fuori dal comune, col quale dopo il cambio di ruolo (in precedenza ha sempre giocato come esterno a tutta fascia) ha segnato tante reti.

Sarà una sfida difficile per i rossoblù che dovranno sfruttare soprattutto la tendenza del Lecce ad aggredire alta la squadra avversaria. In questo contesto di partita, Marko Arnautovic ha mostrato di essere un importantissimo assist man.

Continua a leggere le notizie di 1000 Cuori Rossoblu e segui la nostra pagina Facebook

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *