Seguici su

Bologna

Mottastics – Il volo continua (e non potrebbe essere altrimenti)

Pubblicato

il

Bologna FC 1909

 

 

Numeri (e soprattutto considerazioni) ai tempi di Thiago Motta

C’era bisogno, c’era assoluto bisogno. Ricominciare da dove avevamo interrotto: ritornare, cioè, a fare punti, che contassero per il morale, l’autostima e la classifica.

Eppure se ci guardiamo indietro le “poche” sconfitte (4 partite su 21 fin qui giocate, 3 delle quali in trasferta), fatta eccezione della prima con il Milan e quella contro l’Udinese, dove la luce si era spenta anzitempo (complici stanchezza e assenze pesanti, va detto), non hanno mai visto un Bologna in disarmo, allo sbando, senza un filo di identità. Mai.
E’ per questo che, a parte le due succitate partite, possiamo argomentare, a ragione, come il pallino del gioco, in tutto questo campionato fin qui giocato, sia sempre stato in mano rossoblù, esattamente come a Firenze (dove per millimetri è stato annullato  un gol di Orsolini, che ci avrebbe regalato un meritato pareggio) e a Cagliari (dove senza l’amnesia difensiva e  quell’autogol di un Calafiori fin a quel momento strepitoso, i sardi erano ancora lì che stavano cercavando la porta di Skorupski), anche se quelle due partite non ci hanno detto bene.
 

Per il morale e per l’autostima

 
Tre partite di seguito, in cui porti a casa solo un punto  (Udinese, Genoa e Cagliari, nessuna di queste un top club), avrebbero potuto ingenerare solo cattivi pensieri, riflessioni su un possibile deterioramento di un impianto di gioco che ci aveva fatto palpitare i cuori fin dal caldo di agosto, compattando la fan base anche più scettica, in un percorso di vittorie e punti che da decenni non si gustava sotto le due torri. 
E invece il Bologna, questo Bologna aveva e ha le stimmate del guerriero nel suo Dna: lo stanno a dimostrare il minutaggio di alcuni gol, per vittorie o pareggi in rimonta che dir si voglia, che esprimono l’estrema capacità di applicazione e la perenne tensione al risultato  per gli oltre 90 minuti (eccezion fatta per il fortunoso, per i salentini, pareggio al 100 allo Stadio di Via del Mare). Lo possono confermare, senza tema di smentite e ad alta voce, Ferguson (gol vittoria all’86esimo contro l’Atalanta), Fabbian (gol vittoria all’89esimo contro il Cagliari), De Silvestri (gol del pareggio al 95esimo contro il Genoa) e Orsolini, ieri al 92esimo su un rigore sacrosanto, concesso grazie alla On Field Review, che ha garantito il pareggio.
E così ieri il “cammino” è ripartito, perchè la partita di San Siro (identico risultato ottenuto contro i cugini interisti, con a referto gli stessi marcatori, con Orsolini rigorista efficace in entrambe le occasioni), ha detto che il Bologna, quel Bologna, è tornato. Spazzati via i dubbi in soli 90 minuti più recupero.
 

La Classifica e le Armi di distruzioni di Massa

 
La classifica racconta un attuale settimo posto (posto che non capiamo perchè, se a pari punti valgono prima gli scontri diretti, noi dovremmo essere sesti e la Lazio settima, come riportato in alcune classifiche), ma senza contare quei quattro punti mancanti (ricordate il rigore non dato a Torino e il gol annullato ma regolare a Monza di Ferguson?), che, se aggiunti, ci catapulterebbero al quarto posto, davanti alla lepre Atalanta (la più credibile come candidata alla quarta piazza, rispetto a Fiorentina e Lazio). 
Ora con i se e i ma la storia non si fa e occorre stare con i piedi per terra, ma cogliamo l’occasione per lanciare una petizione a Rocchi: il Bologna ha solo il desiderio di partecipare correttamente a questo campionato, senza regali e fischiate contro (sui due rigori di ieri avremmo alcune considerazioni che non ci trovano particolarmente d’accordo sulla loro concessione) e la preghiamo di verificare che questo, correttamente avvenga. Niente di più.
 
E se qualcuno non è abituato a vedere il Bologna nei quartieri alti della classifica (come Alessandro Matri che su Dazn, nella trasmissione “Tutti bravi dal divano”, pontificava che il Bologna di oggi vale il nono o il decimo posto e se la gioca col Torino) se ne faccia una ragione: la Società di Joey Saputo ha costruito un Bologna da battaglia che, partita dopo partita, si sta togliendo non poche soddisfazioni. E sotto la sapiente regia di Sartori e la guida tecnica di Motta (almeno fino a quando resterà) questo potrebbe essere solo l’inizio di un lungo cammino.

Continua a leggere le notizie di 1000 Cuori Rossoblu e segui la nostra pagina Facebook

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *