Seguici su

Bologna

Termina con una sconfitta la stagione del Bologna Primavera: a Roma i giallorossi vincono 4-1

Il campionato del Bologna Primavera termina con una sconfitta. Partono meglio i rossoblù che si portano in vantaggio con Byar, ma a Roma contro i giallorossi finisce 4-1.

Pubblicato

il

La Primavera di Paolo Magnani
La Primavera di Paolo Magnani (©Bologna FC 1909)

Termina con una sconfitta la stagione del Bologna Primavera. Allo Stadio delle Tre Fontane, il Bologna parte bene e si porta in vantaggio, ma nella fase centrale dell’incontro la Roma impone la propria supremazia tecnica a centrocampo e ribalta il risultato per un 4-1 che, tutto sommato, forse punisce esageratamente i ragazzi di Magnani. La Roma bissa il risultato dell’andata e si candida prepotentemente come una delle contendenti per la vittoria della post-season ai playoff Scudetto.

Cronaca del primo tempo

L’inizio della gara si assesta su un ritmo molto alto, il Bologna soffre il pressing forsennato portato dalla Roma che, però, non riesce a creare occasioni da gol. E al quarto d’ora i rossoblù puniscono la prima grave disattenzione della retroguardia giallorossa. Razumejevs imposta dal basso, ma non si intende con Ienco. La palla, troppo a metà strada, viene ghermita da Tonin che si avventa sulla sfera, va via sulla destra e mette in mezzo splendidamente sul secondo palo. Da dietro, con i tempi perfetti, si inserisce Byar tutto solo che colpisce al volo e fa 1-0.

La Roma reagisce immediatamente e al 18’ sfiora il pari, ma il destro a giro di Pagano, su imbeccata di Cherubini, termina sul fondo. I giallorossi, nella fase centrale del primo tempo, fraseggiano elegantemente, ma faticano ad essere precisi al momento della conclusione in porta. I felsinei, dalla loro, sono pericolosissimi quando recuperano il pallone. Al 31’, proprio su una di queste fasi di riconquista, Ravaglioli verticalizza immediatamente per Ebone che sembra in anticipo, ma il portiere della Roma esce e spazza in scivolata. Non bello lo stile, ma efficace la scelta.

Al 34’, però, la squadra di Guidi sfrutta una dormita colossale della difesa felsinea e pareggia la partita. Il gol è di Pagano, ma arriva dopo una tripla occasione in cui Happonen è superlativo: prima respinge su Misitano, poi para in tuffo su Pisilli, ma non può nulla sull’ennesima ribattuta non controllata dalla difesa e Pagano sigla il pari.

E al 43’ la Roma ribalta la partita. Il gol è stupendo. Pagano riceve spalle alla porta, si gira e imbuca per l’inserimento di Pisilli. Stop a seguire del numero 8 e conclusione imparabile. Un’azione perfetta, ispirata dalle geometrie impeccabili della mediana giallorossa che dimostra, per tutta la prima frazione, una netta superiorità nel palleggio. Il Bologna risponde subito e avrebbe anche l’occasione di andare al riposo sul 2-2, ma Ravaglioli spreca il meraviglioso filtrante di Ebone, facendosi ipnotizzare dalla tempestiva uscita di Razumejevs.

Cronaca secondo tempo di Roma – Bologna

La ripresa si apre con un cambio per il Bologna: fuori Happonen, ancora tramortito da un colpo subito nel primo tempo, e dentro Gasperini. Nella fase iniziale del secondo tempo la gara è più bloccata, la Romagestisce magistralmente il possesso e le occasioni latitano. Bisogna aspettare il 66’ per il primo squillo ed è di marca giallorossa. Iniziativa di Cherubini in corsia, va via sulla sinistra, riesce a tenere in campo il pallone, danzando sulla linea di fondo, e va via a Diop. Il difensore non lo contiene e lo mette giù: rigore netto. Dal dischetto Pagano è perfetto, incrocia il destro, Gasperini intuisce, ma non basta. La squadra di Magnani prova a reagire, ma la formazione capitolina concede pochissimo e mantiene il pallino del gioco. Al 76’ si fanno rivedere i felsinei in attacco. Ravaglioli converge e serve Idaro che calcia forte, ma centrale. Razumejevs respinge con la figura.

L’ultima azione del match sancisce anche la, forse eccessiva, punizione per il Bologna. Bellissima trama della Roma che riparte con Graziani tra le linee, palla larga per D’Alessio che chiude il triangolo a tutto campo col compagno che conclude di destro per il tiro che chiude la partita.

Finisce così, 4-1, con il Bologna che conclude il suo campionato con la consapevolezza di avere tanto da costruire, ma che le basi da cui partire sono solide e interessanti.

Continua a leggere le notizie di 1000 Cuori Rossoblu e segui la nostra pagina Facebook

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *