Seguici su

Calcio

il Resto del Carlino – Caos intorno alla Lega e al Torino: si dimette Tavana

Pubblicato

il

raisport.rai.it


Caos intorno a Rodolfo Tavana; il medico del Torino e rappresentante della Lega di A nella Commissione medica federale che ha stilato il protocollo per la ripresa del calcio, si è dimesso dal suo incarico e, ancora oggi, i motivi potrebbero essere molteplici. Se la versione ufficiale delle dimissioni è improntata verso motivi personali, dall’altra parte potrebbe essere un’altra storia. Infatti, secondo quanto riportato da il Resto del Carlino, i medici degli altri club avrebbero protestato proprio contro Tavana per non aver potuto analizzare il protocollo prima che fosse inviato al Governo.

Lo stesso Tavana, nella lettera di dimissioni inviata alla Figc, sottolinea: “l’invio di tale lavoro alle Autorità prima di averle in visione i medici di Serie A che rappresento, impedendoci di esprimere giudizi sul lavoro stesso nei tempi dovuti…”. Proprio questa parte di dichiarazione evidenzia come i medici non abbiano digerito la scelta di Tavana e della Commissione, che non li ha proprio considerati in questa situazione. Successivamente, nella lettera di risposta da parte dei graduati federali, si sottolinea come tale decisione sia stata concordata anzitempo con Gravina e i membri della Commissione. Viene poi evidenziato come i tempi dell’emergenza siano stati decisivi.

Il protocollo è stato completato il 18 aprile ed è stato inviato ai rappresentanti delle componenti sportive poco dopo il ministro Spadafora e il ministro Speranza. Infine, Tavana precisa come l’obiezione di un medico sulla “sensibilità dei test sierologici, da alcuni medici messa in dubbio”, sia fuori asse; ricorda infatti che i test molecolari rapidi, i tamponi, dovrebbero dare risposte al massimo in due giorni e non in una settimana, anche se in alcune Regioni si potrebbero avere più difficoltà.

Continua a leggere le notizie di 1000 Cuori Rossoblu e segui la nostra pagina Facebook

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *