Seguici su

Basket

Punto Virtus – Contro Baskonia per raccogliere il seminato

La Virtus Bologna attende il Baskonia per l’ultimo turno stagionale di Eurolega, il Play-In è al sicuro ma si punta alla conquista di un prestigioso ottavo posto

Pubblicato

il

Virtus Segafredo Bologna
Foto: Virtus Pallacanestro

La Virtus Segafredo Bologna, benché arrivi da sei sconfitte consecutive in Eurolega, domani avrà l’opportunità di conquistarsi un prezioso, quanto inaspettato, ottavo posto. Contro Baskonia sarà quindi il momento di raccogliere i frutti di un seminato autunnale di pregevole importanza. La vittoria contro Venezia ha rimesso le carte al suo posto in LBA, ma in 40 minuti domani ci si giocherà una possibilità di playoff che a settembre nessuno avrebbe potuto prevedere.

Taliercio dominato

Quella di domenica sul parquet di Mestre è stata una vittoria solida e totale nei suoi componenti: una difesa di primissimo livello, accompagnata da una fluidità offensiva che abbiamo visto raramente negli ultimi mesi, così come la gestione dei quintetti da parte dello staff tecnico. Un primo tempo da 54 punti segnati e solamente 31 subiti è la fotografia più nitida di come le Vu Nere abbiano approcciato al match, poi controllato senza mai dare cenno di superficialità. 

Baskonia d’assalto

La squadra di coach Ivanovic sta vivendo un momento di esaltazione offensiva che ha portato Marckus Howard fatturare ben 35 punti al Wizink Center di Madrid, in una gara vinta per 91-95. Le due squadre arrivano alla gara di domani appaiate in classifica, con in palio il suddetto ottavo posto in palio, chi perderà si vedrà invece scavalcata da un Efes lanciato verso la vittoria interna contra la Stella Rossa. Al momento i punti forti dei baschi rispondono ai nomi di Howard, Moneke, Costello e il miglio assistman in circolazione Miller-Mcintyre, profili che i bianconeri hanno saputo limitare nella gara d’andata vinta per 81-91 alla Buesa Arena.   

Le carte virtussine

La squadra di coach Banchi potrà contare ancora una volta sulla sua gente, in una Segafredo Arena che viaggia verso un altro sold-out, questo il primo vantaggio di cui le Vu Nere potranno giovare contro Baskonia per raccogliere i frutti del seminato. Un altro fattore determinate in partite dell’alto peso specifico lo si può trovare nell’esperienza dei giocatori in campo, per questo poter vantare giocatori come Dunston, Hackett, Belinelli, Shengelia e gli stessi Lundberg e Zizic è un qualcosa da non sottovalutare. C’è poi un aspetto che i bianconeri hanno quasi sempre confermato, quello di sbagliare raramente l’approccio alle sfide importanti, vedasi la gare di Brescia e Venezia. Ci sono poi due rientri fondamentali su cui poter fare affidamento, in primis la ritrovata forma fisica di Hackett,  ma anche quella che sembra l’ormai certa disponibilità di Isaia Cordinier, giocatori chiave per limitare gli esterni baschi.

Continua a leggere le notizie di 1000 Cuori Rossoblu e segui la nostra pagina Facebook

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *