Seguici su

Bologna

Bologna – Gennaio si avvicina: due i giocatori con la valigia in mano

Pubblicato

il

crediti immagine: Bologna Fc


Il mercato di gennaio si avvicina e in casa Bologna si stanno già studiando un paio di mosse da effettuare nell’ottica di rendere ancora più competitiva la rosa.
Per potersi muovere in entrata, però, Sartori e Di Vaio hanno prima bisogno di piazzare qualche colpo in uscita. In particolare, i (soli) due giocatori con la valigia in mano sembrano essere Sydney Van Hooijdonk e Kevin Bonifazi. Entrambi hanno chiesto la possibilità di trovare più spazio dal momento che in due hanno collezionato appena 401 minuti tra campionato e Coppa Italia (131 Van Hooijdonk, 270 Bonifazi). Il Bologna pare voler accogliere le rispettive richieste, motivo per cui poi Sartori e Di Vaio (in accordo con Thiago Motta) dovranno poi andare sul mercato per cercare due profili adeguati: un difensore che possa fungere da riserva affidabile e un vice Zirzkee.

Bonifazi e il Bologna: un amore mai realmente sbocciato

Kevin Bonifazi ha cominciato tre mesi fa la sua terza stagione con la maglia del Bologna, dopo essere stato acquistato sotto la direzione di Riccardo Bigon nell’estate del 2021. Di fatto, nonostante l’alta cifra sborsata per il suo cartellino (circa 6 milioni di euro), Bonifazi non ha mai dimostrato quella continuità di rendimento necessaria per essere un titolare fisso, né con Mihajlovic né tantomeno con Thiago Motta. Quest’anno, complice lo straordinario inizio di stagione della neo coppia formata da Calafior e Beukema, Bonifazi ha disputato solo tre partite, due in Coppa Italia e una in campionato contro il Sassuolo, gara nella quale ha fortemente rischiato di procurare un calcio di rigore per un pestone su Vina. La concorrenza quest’anno si è alzata in ogni reparto della squadra rossoblù, motivo per cui anche un difensore affidabile e potenzialmente titolare come Lucumi dovrà sudarsi e non poco il posto. Bonifazi sicuramente se ne è reso conto e per questo ha chiesto al club di poter trovare una sistemazione che gli consenta di avere continuità e maggior minutaggio. Molto dipenderà dalle richieste che verranno recapitate a Casteldebole, visto soprattutto l’alto ingaggio percepito dal difensore ex Torino e SPAL (circa 1 milione all’anno). Le destinazioni più probabili potrebbero essere squadre in lotta per la salvezza o club di alta Serie B. Il Bologna cercherà la miglior sistemazione possibile per Bonifazi, con la possibilità poi di inserire un giovane difensore di prospettiva che possa crescere sotto le due torri.

Van Hooijdonk: l’olandese non è adatto al gioco di Thiago

In campionato Van Hooijdonk è stato impiegato con il contagocce, mentre in Coppa Italia ha avuto la chance di giocare per intero la partita contro il Verona, gara nella quale è andato a segno ma nella quale è anche emerso quanto il giovane olandese sia poco adatto al tipo di gioco e di lavoro richiesto da Thiago Motta. Il gioco del tecnico italo-brasiliano prevede l’utilizzo di un centravanti atipico e che non dia punti di riferimento, in modo da risultare meno leggibili: il Bologna ha trovato in Joshua Zirkzee il perfetto interprete di questo ruolo. Caratteristiche che invece non sono proprie di Van Hooijdonk, che invece lo scorso anno in Olanda ha dimostrato di essere più finalizzatore. I numeri e la qualità di Zirkzee non lasciano spazio all’attaccante ex Heerenveen, che quindi chiede di poter trovare maggior minutaggio in un’altra realtà. Al Bologna ora spetta una decisione non semplice: ovvero cercare il giusto identikit di vice Zirkzee. Un giocatore esperto, pronto, che abbia feeling con il gol e che però non si faccia problemi a fungere da riserva, o un giovane attaccante di prospettiva che possa crescere sotto le due torri e, chissà, magari un giorno diventare l’erede di Joshua Zirkzee? Il primo nome in lizza è al momento quello di Alejo Veliz, argentino classe 2003 del Tottenham, giocatore che piace e non poco a Giovanni Sartori: l’operazione però non è delle più semplici soprattutto per il costo dell’eventuale riscatto. Motivo per cui, come riportato dal Corriere dello Sport, si è tornati a sondare il nome di Rafa Mir, classe 97 del Siviglia dotato di una struttura fisica importante, attaccante già cercato dal Bologna negli ultimi giorni del mercato estivo. Due profili diversi, soprattutto a livello di esperienza.  La decisione finale spetta all’area tecnica e a Thiago Motta.

Continua a leggere le notizie di 1000 Cuori Rossoblu e segui la nostra pagina Facebook

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *