Seguici su

Bologna

Calafiori brilla in Italia-Albania: torna il tuttofare a tuttocampo

Riccardo Calafiori debutta a 22 anni in Euro 2024. Prestazione sontuosa in Italia-Albania: passaggi, duelli e dribbling impeccabili.

Pubblicato

il

Riccardo Calafiori (Bologna) Italia Euro2024 (© FIGC)
Riccardo Calafiori (© FIGC)

Nella serata di ieri, durante il match di Euro 2024 tra Italia e Albania, terminato 2 a 1 per gli azzurri, Riccardo Calafiori ha fatto il suo debutto con la prima squadra della nazionale italiana. Il giovane difensore del Bologna, appena 22enne, ha messo in mostra tutto il suo talento e la sua maturità calcistica, guadagnandosi applausi e attenzione. Insomma, il tuttofare è tornato a farsi notare, stavolta però i riflettori lo illuminano su tutta Europa.

Una prestazione fatta di maturità e personalità

Calafiori è sceso in campo come difensore centrale accanto ad Alessandro Bastoni, ma la sua prestazione, come risaputo, è andata ben oltre il semplice ruolo difensivo. In 90 minuti di gioco, ha mostrato una versatilità e un senso tattico assolutamente di rilievo, per una competizione di tale livello, che lo hanno visto spingersi fino all’area di rigore avversaria e diventare un perno fondamentale nelle azioni offensive della squadra.

Perché possiamo constatare questo? Perché, come sempre, le statistiche vanno oltre le opinioni, e parlano chiaro: 93% di passaggi riusciti, il 100% dei duelli aerei vinti, 5 palloni recuperati, 3 intercettati e un perfetto 100% nei dribbling. Numeri che testimoniano una prestazione sontuosa, che gli vale un 7/7,5.

Ciò che ha colpito maggiormente è stata la maturità mostrata da Calafiori. A soli 22 anni, ha dimostrato di essere un giocatore su cui il CT Luciano Spalletti può fare affidamento. La sua capacità di leggere il gioco, di sganciarsi dalla linea difensiva per contribuire alla costruzione delle azioni, e di mantenere la calma sotto pressione sono qualità rare per un giocatore della sua età.

Le sbavature da migliorare

Durante la cronaca di Italia-Albania vediamo che, al minuto 51, Calafiori riceve un cartellino giallo per un fallo su Armando Broja, che ha regalato un calcio di punizione interessante all’Albania. Nonostante questo episodio, il romano non ha perso la concentrazione, continuando a limitare le offensive avversarie con determinazione e intelligenza tattica.

Da sottolineare anche il momento di tensione che ha seguito l’ammonizione, con Broja che ha ricevuto a sua volta un cartellino giallo per proteste, decisioni arbitrali che hanno suscitato qualche discussione.

Sul finale, invece, arriva il promemoria della sua giovane età: al minuto 89 si fa superare da Rey Manaj, mettendo in difficoltà Donnarumma, che con i suoi guantoni riesce a recuperare la palla e levare dai guai gli azzurri. Tuttavia, questo errore non macchia una prestazione che rimane comunque eccezionale. 

Questione mercato per il futuro di Calafiori

È bene prestare un occhio sulle possibilità che potrebbero aprirsi al difensore una volta concluso Euro 2024. Infatti, se Calafiori continuerà a esibirsi su questi livelli nelle prossime partite, potrebbe attirare l’attenzione dei club europei. Per il Bologna, trattenere un talento del genere potrebbe diventare una sfida sempre più ardua. I riflettori sono ora puntati su di lui, e c’è da aspettarsi che ogni sua mossa sarà osservata con grande interesse.

Continua a leggere le notizie di 1000 Cuori Rossoblu e segui la nostra pagina Facebook

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

adv
adv

Facebook

adv