Seguici su

Bologna

Con Italiano si parte subito in quarta (Stadio)

Il nuovo mister rossoblù è famoso per le sue intense preparazioni

Pubblicato

il

Vincenzo Italiano raccontato da Leonardo Colucci, ripresa degli allenamenti (© Bologna FC 1909)
Vincenzo Italiano, nuovo mister del Bologna (© Bologna FC 1909)

I giocatori del Bologna impegnati con gli Europei (o, come nel caso di Lucumì, con la Coppa America) non rientreranno al centro tecnico Niccolò Galli prima di alcune settimane. Per gli altri, tuttavia, il ritorno sui campi di Casteldebole è previsto per l’8 luglio e a quanto pare sarà un inizio intenso. Il nuovo mister rossoblù Vincenzo Italiano, infatti, è noto per le dure sessioni di allenamento a cui sottopone le sue squadre.

Il lavoro di Vincenzo Italiano e del suo staff

Le prime settimane (quelle dell’avvio alla preparazione) saranno particolarmente impegnative, dato che il mister è solito organizzare una doppia sessione di lavoro giornaliera (allenamento atletico al mattino e tecnico-tattico al pomeriggio). Le sedute si ridurranno poi a una, man mano che ci si avvicina alla partenza del campionato, ma in questo modo Italiano preparerà subito i suoi ai doppi impegni settimanali della prossima stagione (in Serie A e in Champions League).

Prima di iniziare con la preparazione, però, test per tutti. I preparatori atletici Paolo Aiello, Nicolò Prandelli, Piero Campo e Ivano Tito (questi ultimi fidati membri dello staff di Italiano) sottoporranno i ragazzi ad esami per verificarne condizione e caratteristiche fisiche, così da stabilire la giusta intensità degli allenamenti.

Non mancheranno nemmeno gli allenamenti con la palla, strumento che il mister ritiene fondamentale e che sarà presente in larga parte durante le sedute di lavoro. Per quanto riguarda il ritiro estivo, infine, la partenza per Valles è in programma il 22 luglio: anche in questo caso non mancheranno partitelle e amichevoli.

(Fonte: Stadio, Dario Cervellati)

Continua a leggere le notizie di 1000 Cuori Rossoblu e segui la nostra pagina Facebook

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

adv
adv

Facebook

adv