Seguici su

Bologna

Daniele De Rossi dopo Roma-Bologna (1-3): «Questo Bologna gioca davvero bene»

Daniele De Rossi analizza con grande equilbrio questa sconfitta della sua squadra e rende merito al Bologna

Pubblicato

il

Daniele De Rossi
Daniele De Rossi (© AS Roma)

È un Daniele De Rossi, consapevole ed equilibrato, che si presenta ai microfoni di DAZN per esprimere le proprie considerazioni, dopo la sconfitta per 3-1 della sua Roma contro il Bologna:

«Forse non siamo stati  brillanti come altre volte ma il Bologna, questo Bologna gioca bene, fa tanto movimento e, giocando così, ti fa sembrare meno brillante.  Altre volte abbiamo segnato contro avversari che avevano tirato di più, questa volta no.

 Complimenti a loro, che non hanno rubato niente. La partita è stata equilibrata, nel primo tempo forse siamo stati più pericolosi noi, ma non siamo riusciti a venirne a capo e sicuramente, emotivamente, segnare ci avrebbe dato una certa carica per affrontare il resto del match.

Abbiamo peccato di nervosismo e non possiamo farci innervosire da un cartellino giallo perché non è quello che ha deciso la partita. Abbiamo subito il primo gol, ma i ragazzi hanno fatto la prestazione fino alla fine».

Avete avuto un calo sul piano nervoso?

«Affermare questo sarebbe grave: ho dei giocatori adulti ed esperti ,e dobbiamo gestire anche i momenti negativi. In un campionato come questo, abbiamo sempre saputo gestire gli scontri diretti, anche sul piano nervoso. 

La nostra partita non è stata una delle migliori, ma, a parte una decina di minuti della ripresa, credo che ci sia stato equilibrio in campo. Capisco la frustrazione  dei miei giocatori, ma questo non deve influenzare il nostro modo di stare in campo. 

Se vogliamo essere perfetti e continuare la rincorsa ad un posto che conta in Europa, dobbiamo essere bravi a gestire i momenti critici e non prendere gol a pochi secondi dall’intervallo: poi il 3-1 ci ha ammazzato. Sul piano dell’atteggiamento non posso dire niente ai miei ragazzi».

Quanto è importante aver recuperato Azmoun?

«Il nostro gruppo di attaccanti è composto da giocatori con caratteristiche differenti per ognuno di loro: per esempio  Abraham ha fatto una partita normale, ma ci stava visto che rientrava da un infortunio e ancora non è al massimo della sua condizione.

Mentre sono contento per Azmoun, anche se non me la sono sentita di farlo partire titolare perché anche lui veniva da un infortunio

Entrambi saranno molto utili per le ultime partite di questo campionato».

Come allenatore come deve gestire le energie?

«Speravamo in aiuto che purtroppo non è arrivato, ma è inutile tornare su questo argomento: il punto non sono il dover rigiocare per una ventina di minuti, quanto il dover approcciare di nuovo a quella partita.

La prenderemo come se fosse una gara di Europa League. Abbiamo perso questa partita, ci dispiace ma vogliamo guardare avanti.

E lo stesso vale per l’Europa League, giochiamo contro l’unica squadra imbattuta al mondo. Dobbiamo essere positivi».

Daniele De Rossi Temete l’Atalanta?

«Noi rispettiamo tutti. L’Atalanta, al contrario nostro, recupererà questa partita a fine campionato, quando il destino di questo campionato avrà espresso i suoi verdetti.

Eravamo consapevoli delle difficoltà che si sarebbero presentate e il problema era quante squadre avevamo davanti.

Adesso dobbiamo affrontare le prossime partite che si presentano tutte molto  difficili, perchè giocheremo contro squadre di livello alto, a volte vinci e altre, come stasera, devi fare i complimenti all’avversario».

Continua a leggere le notizie di 1000 Cuori Rossoblu e segui la nostra pagina Facebook

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *