Seguici su

Bologna

Il Resto del Carlino – A Casteldebole torna il sereno e Saputo vola in Canada

Pubblicato

il

 

 

A poche ore dal big match contro la Lazio, sembra essere tornato il sereno al “Nicolò Galli“. Sembra. La cena a quattro (Saputo, Fenucci, Bigon e Mihajlovic) ha riportato unità d’intenti, scrive Marcello Giordano in suo articolo odierno, e confermata la fiducia al tecnico. Solo una debacle contro i biancazzurri domenica (con una “imbarcata” di goal) porterebbe di nuovo sulla graticola il tecnico serbo, con possibilità di allontanamento dalla panchina rossoblù. Intanto proprio Mihajlovic è alle prese con il rebus formazione: tolti dai giochi fino a dopo la pausa Schouten e Kingsley, Soumaoro per positività, rimangono incerti Dijks (qualche linea di febbre) e Sansone (botta al polpaccio). Per questo e per trovare maggiore solidità nella fase difensiva, il Mister rossoblù si è concentrato su un  3 4 1 2, lasciando momentaneamente il 4 2 3 1. 

Ad una difesa a tre (Bonifazi, Medel Theate) seguirebbe una mediana formata da 4 giocatori (Svanberg e Dominguez centrali, mentre De Silvestri e Dijks, se recupererà,  agiranno da esterni) e Soriano a servizio delle due punte che saranno Arnautovic e Barrow, quest’ultimo avvicinato alla porta, come aveva segnalato il suo procuratore, in una intervista rilasciata in settimana,  come necessità per rendere Musa maggiormente pericoloso in zona goal. Obiettivo di domani è una gara di spessore con possibilità di punti: ritrovare insomma il bandolo della matassa da parte del tecnico e non vedere una squadra sfilacciata come al Castellani di Empoli. E la gara contro la Lazio, in casa, è il test migliore che si potesse avere.

 

(Fonte Marcello Giordano, RdC

Continua a leggere le notizie di 1000 Cuori Rossoblu e segui la nostra pagina Facebook

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *