Seguici su

Bologna

Il Resto del Carlino – Vignato e Raimondo allo stage della nazionale

Pubblicato

il


Tra il 20 e il 22 dicembre Roberto Mancini terrà a Coverciano uno stage per valutare alcuni giovani calciatori militanti nelle prime due serie italiane o all’estero e tra i convocati ci sono due rossoblù: Vignato e Raimondo. Il primo, classe 2000, ha seguito tutta la trafila delle giovali dall’Under 17 all’Under 21 e nel 2019, possedendo la doppia nazionalità, venne chiamato anche dall’Under 17 del Brasile, il secondo, invece, classe 2004, ha vestito l’azzurro con le rappresentative Under 18 e Under 19. I due giovani rossoblù stanno vivendo periodi della loro carriera molto differenti: Vignato, che in questo stage troverà suo fratello Samuele, al momento sembra essere fuori dai piani di Thiago Motta e, dopo le voci non concretizzatesi nel mercato estivo, in questa sessione invernale potrebbe accasarsi in prestito lontano da Bologna, mentre Raimondo, attaccante della Primavera con già alle spalle una presenza da titolare in A, si sta allenando spesso con la Prima Squadra e nell’amichevole contro il Mallorca di due giorni fa è stato decisivo con il velo che ha permesso a Orsolini di ricevere il pallone da cui è nato il gol vittoria. Proprio il test contro la formazione spagnola ha messo in luce i progressi fatti dal Bologna da quando sulla panchina siede Thiago Motta. Il sintomo più evidente è la varietà realizzativa, se nelle prime sei giornate Arnautovic aveva realizzato altrettante reti e l’assist per l’unico gol non suo, realizzato da Barrow, ora la via della rete la stanno trovando in molti e da tutti i reparti. I segnali maggiormente positivi arrivano dal centrocampo e in particolare da Dominguez e Ferguson che hanno mostrato una qualità di gioco notevole sia in costruzione, sia in finalizzazione, mentre in difesa è stato Posch a mettersi maggiormente in luce con ottime prestazioni coronate anche da un gol contro il Torino. L’unico reparto che ancora deve mostrare dei miglioramenti a livello realizzativo è quello degli esterni. Orsolini dopo un inizio stagione complesso ha trovato la via del gol in due partite, Monza e Torino, poi, pur non segnando, ha continuato a mettere in campo un buon gioco, così come Aebischer spostato da Motta nel ruolo di esterno destro dove ha dimostrato di essere a suo agio riuscendo a realizzare la sua prima rete in rossoblù contro il Sassuolo. Nelle ultime giornate, inoltre, si è rivisto un ottimo Soriano nel ruolo di esterno sinistro e anche con il Mallorca è stato provato in questa zona del campo: il capitano sembra essere ritrovato, ora manca solo il gol. Le questioni critiche, invece, sono il rinnovo di Orsolini e la condizione di Barrow. Nel primo caso, la proposta al giocatore in scadenza nel 2024 è stata consegnata da tempo, ma pur non essendo arrivate risposte positive la situazione sembra non preoccupare né giocatore, né società. Barrow, invece, sembra non aver risentito della cura Motta e le sue prestazioni continuano a essere al di sotto delle aspettative. Nelle amichevoli tenutesi contro Kapfenberger e Mallorca si è vista, però, una versione propositiva dell’attaccante con una rete e diversi assist. La speranza è quella di una sua rinascita, ma si stanno vagliando opzioni sul mercato per la fascia sinistra dove dovrebbe arrivare un rinforzo per dare ancora più pericolosità all’attacco di Motta.

(Fonte: Il Resto del Carlino – Marcello Giordano)

Continua a leggere le notizie di 1000 Cuori Rossoblu e segui la nostra pagina Facebook

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

adv
adv

Facebook

adv