Seguici su

Bologna

Saelemaekers: «Vittoria importante, ma pensiamo sempre una partita alla volta»

Pubblicato

il

Fonte immagine: Bologna FC


Dopo Atalanta-Bologna, oltre Ferguson e Thiago Motta, ai microfoni di DAZN si è presentato anche Alexis Saelemaekers. Il belga ha cambiato la gara col suo ingresso in campo, guadagnandosi il rigore su suggerimento di Zirkzee e poi ha avviato l’azione del gol dell’1-2 firmato da Ferguson.

L’intervista di Saelemaekers dopo Atalanta-Bologna

Vittoria clamorosa, importante, per loro era fondamentale per scavalcarvi perché sono anni che sono in Europa, sono abituati a gare di questo tipo, avevano vinto 7 gare consecutive in casa. Poi siete arrivati voi.

«L’Atalanta è una grande squadra, che sa giocare bene a calcio. Però oggi siamo venuti qua con la giusta mentalità e avevamo la determinazione per prenderci i tre punti fondamentali per noi e siamo molto contenti».

Sei entrato alla grande, non è la prima volta. Ci seguono tanti ragazzi, vuoi dare un consiglio anche a loro su come si fa?

«Quando non giochi devi far vedere al mister di avere le capacità per essere un titolare. Oggi sono entrato con quella mentalità. L’unico consiglio che posso dare è credere in sé stessi e dare tutto in campo».

Il mister si arrabbia con te quando vai per terra. Ti rialza, ti ributta in campo.

«Sì, lo fa anche in allenamento. Non gli piace quando mi butto a terra, quindi qui anche in partita ha fatto lo stesso. Lo fa per il bene della squadra. E oggi ci ha portato anche i tre punti, quindi va bene così».

Ci puoi spiegare l’esultanza con Zirkzee?

«Non posso spiegare, è un segreto tra noi due».

C’entra col fatto che andate a vedere la Virtus in Eurolega assieme?

«Non c’entra col basket, c’entra con una passione in comune fuori dal campo».

Cominciate a sentire il profumo dell’Europa?

«È importante sapere che siamo là, ma ancora più importante è continuare a pensare partita dopo partita».

Continua a leggere le notizie di 1000 Cuori Rossoblu e segui la nostra pagina Facebook

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *