Seguici su

Bologna

#SpagnaItalia: nella mente dei mister – 1 sett

Pubblicato

il


Ormai ci siamo, la sfida da dentro o fuori è vicinissima. L’Italia è partita alla volta di Madrid, per la partita che vale il Mondiale. Se si vince, si passa dalla porta principale quasi sicuramente, se si pareggia o si perde, la strada è praticamente impossibile, e l’unica chance per arrivare al Mondiale in Russia sarà lo spareggio contro un’altra seconda tra le 8 migliori dei 9 gironi totali.

Gli azzurri arrivano alla sfida contro gli iberici con una buona condizione, soprattutto dei giocatori migliori in avanti. Purtroppo nel primo pomeriggio è arrivata la doccia fredda dell’infortunio al polpaccio di Chiellini, che lo terrà fuori sia contro la Spagna, che contro Israele. 

Le “Furie Rosse” allenate da Lopetegui si presenteranno al match con tutti i più forti in campo. Da sottolineare, anche se non partirà sicuramente titolare, il rientro nella lista dei convocati di David Villa, che sembrava finito ai margini della nazionale spagnola. 

La probabile formazione dell’Italia.

Ventura questa settimana ha provato a lungo due moduli: il 3-4-1-2 e il 4-2-4. L’infortunio di Chiellini ha complicato un po’ i piani, quindi si dovrebbe optare per il 4-2-4, ma non è detta l’ultima parola, quindi vediamo come si disporrebbero gli azzurri con entrambi i moduli.

Se l’Italia dovesse giocare a 3, il terzetto davanti a Buffon sarebbe composto da Barzagli, Bonucci e Rugani. Sulle fasce giocheranno Conti e Darmian; mentre al centro dovrebbe trovare posto Montolivo insieme a De Rossi. Come trequartista potrebbe agire Verratti, dietro agli inamovibili Immobile e Belotti. 

Con la difesa a 3, potremmo giocare anche con il tridente. In questo caso partirebbe dal primo minuto Insigne e Immobile finirebbe in panchina; la coppia di centrocampo sarebbe De Rossi e Verratti con Montolivo giù.

Se invece Ventura punterà sul 4-2-4, l’11 che scenderà il campo sarà probabilmente questo:

Buffon; Conti, Bonucci, Barzagli, Darmian; De Rossi, Verratti; Candreva, Immobile, Belotti, Insigne. 

Di certo questa soluzione è la più coraggiosa e offensiva, ma visto che si dovrà rischiare il tutto per tutto, si potrebbe scegliere questo schieramento.

La probabile formazione della Spagna.

Lopetegui ha detto anche in conferenza stampa che non ci saranno sorprese: quindi classico 4-3-3, con questi probabili interpreti:

De Gea; Carvajal, Sergio Ramos, Pique, Jordi Alba; Koke, Busquets, Iniesta; Silva, Morata, Pedro. 

In difesa e a centrocampo non ci dovrebbero essere dubbi. Davanti invece potrebbe trovare posto il gioiello del Real Madrid Asensio, anche se per ora parte più indietro nelle gerarchie. In ogni caso, se dovesse partire dalla panchina, entrerà sicuramente. 

Come batterli. 

Sarà importante non subire il loro possesso di palla e le loro verticalizzazioni. Dobbiamo avere il coraggio di alzare il pressing, ma anche difenderci bassi quando ce ne sarà bisogno non sarà umiliante, ma una svolta tattica che potrebbe portare a ripartenze interessanti. 

Se dovessimo giocare con Verratti trequartista, dovremmo cercare di trovarlo dietro alla linea dei centrocampisti, per dare poi sbocchi alla manovra verso le punte, che si scambieranno spessissimo la posizione. Immobile e Belotti agiranno molto vicini, e cercheranno di sorprendere gli spagnoli con il classico movimento a uscire di uno dei due, con velo per l’uomo dietro, e contro movimento verso la profondità.

La Spagna, come ha detto mister Lopetegui, manterrà una linea difensiva molto alta. Questo aspetto potrebbe portare a dei lanci lunghi veloci verso i due esterni, che potranno sfruttare la loro qualità nell’1 contro 1. 

Gli iberici risponderanno agli azzurri con la loro immensa capacità nel palleggio, e l’imprevidibilità là davanti. In questo senso occhio ad Alvaro Morata, che nelle prime 3 partite di Premier è sembrato molto in palla con 2 reti segnate. 

Sicuramente sarà una sfida complicata, ma batterli si può, l’abbiamo già fatto la scorsa estate, allora riproviamoci!

 

(Fonte immagine: Calcio News 24)

 

Continua a leggere le notizie di 1000 Cuori Rossoblu e segui la nostra pagina Facebook

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *