Seguici su

Bologna

Tutto facile per il Napoli, al Maradona finisce 3-0

Pubblicato

il


Allo stadio Diego Armando Maradona di Napoli va in scena il posticipo della 10a giornata di serie tra Napoli e Bologna. Padroni di casa che dopo il pareggio con la Roma vogliono subito tornare a macinare punti. Classico 4-3-3 per gli azzurri: Ospina in porta, difesa a quattro con Di Lorenzo, Rrahmani, Koulibaly, Mario Rui, centrocampo con Anguissa, Fabian Ruiz ed Elmas, in attacco intoccabile Osimhen con ai lati Lozano e Insigne. Il Bologna vuole subito dimenticare la sconfitta patita in casa contro il Milan, anche se le assenze in casa rossoblù sono pesanti: 3-4-2-1 per gli ospiti: Mbaye sostituisce lo squalificato Soumaoro, Medel al centro e Theate, centrocampo a quattro con De Silvestri, Dominguez, Svanberg e Hickey, in attacco Orsolini e Vignato sostituiscono Arnautovic e Soriano a supporto di un ritrovato Barrow. 

La prima conclusione è del Napoli con Mario Rui che su invito di Osimhen da buona posizione lascia partire un sinistro rasoterra, centrale, Skorupski c’è. Altra occasione del Napoli al 14’ con un contropiede fulmineo, Osimhen pesca Insigne che con il tocco sotto scavalca Skorupski, Medel risolve salvando quasi sulla riga e scaraventando il pallone in angolo. Il primo tiro del Bologna è con Dominguez al 16’, palla fuori di molto. Al 18’ però è il Napoli a passare in vantaggio: passaggio sbagliato di Svanberg in disimpegno, Lozano recupera, serve Fabian Ruiz che da fuori area con il suo mancino vellutato la mette nel sette, nulla da fare per Skorupski. Al 39’ calcio di rigore per il Napoli, Medel salta per contrastare Osimhen ma colpisce il pallone con il braccio. Tante proteste dei rossoblù, con Medel e De Silvestri che vengono ammoniti, ma Serra dopo l’On Field Review  non ha dubbi. Della battuta si incarica il capitano, Lorenzo Insigne, che calcia all’angolino e buca Skorupski per il 2-0 dei padroni di casa. 

Al 46’ altra occasione per il Napoli con Elmas che servito da Osimhen si ritrova a tu per tu con Skorupski, il portiere rossoblù esce e fa buona guardia. Ci prova anche Osimhen al 57’ che dal limite dell’area si gira in una frazione di secondo e di destro ad incrociare lascia partire un missile che finisce non troppo distante dai pali di Skorupski. Al 60’ il Napoli la può chiudere, altro calcio di rigore fischiato da Serra per contatto tra Mbaye e Osimhen in area di rigore: si presenta di nuovo Insigne sul dischetto, stessa direzione di prima, stesso risultato. 3-0 per il Napoli, partita chiusa.

Primo cambio del Bologna al 63’, fuori Mbaye dentro Skov Olsen, ma la musica non cambia. Anzi, al 72’ Anguissa lascia partire un destro potentissimo che si stampa sulla traversa a Skorupski battuto. Al 75’ fuori Vignato per Sansone e Binks per Dominguez, diffidato. All’80’ fuori Barrow, si rivede Van Hooijdonk, fuori anche Hickey dentro Dijks. All’84, il primo tiro in porta del Bologna della partita, con Orsolini che su punizione impegna Ospina. All’86’ il Napoli sfiora il poker con Osimhen che svetta in area e colpisce di testa, palla a centimetri dal palo. Ci prova anche Sansone che servito da Skov Olsen ci prova dal limite dell’area, palla alta. 

Triplice fischio al Maradona, il Napoli vince senza troppi patemi e batte meritatamente un Bologna troppo rinunciatario e con poca fantasia. 

Continua a leggere le notizie di 1000 Cuori Rossoblu e segui la nostra pagina Facebook

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *