Seguici su

Bologna

Calciomercato Bologna – Calafiori-Zirkzee: è ora della verità, per il bene del club

Le parole di Sartori e gli ultimi movimenti del calciomercato del Bologna vanno in un’unica direzione: il tempo delle attese è finito

Pubblicato

il

Joshua Zirkzee, Kia Joorabchian Calciomercato Bologna (© Damiano Fiorentini)
Joshua Zirkzee (© Damiano Fiorentini)

E così parlò Giovanni Sartori, l’uomo più di spicco del calciomercato per quanto riguarda il Bologna. Lunedì sera, a margine del Gran Galà di Rimini, il Direttore Generale dei Rossoblù ha rilasciato una serie di dichiarazioni su i due protagonisti del mercato Felsineo, i più desiderati: Joshua Zirkzee e Riccardo Calafiori. Da queste parole riparte tutto il mondo Rossoblù, con buona pace di quello che avverrà: l’importante è la celerità, perché il club non può aspettare oltre.

Calciomercato Bologna – Subito un segnale: l’Arsenal spinge per Calafiori

Il Bologna, in questa sessione di calciomercato, ha un obiettivo su tutti: non buttare via tempo prezioso. E no, l’attesa su certe trattative – vedi la scorsa estate con Basilea e Leicester – non rientra in quella categoria. Ecco perché le parole di Giovanni Sartori sono sibilline: “la situazione è questa”.

Partiamo da Riccardo Calafiori: il Bologna, ovviamente, ha tutta la volontà di provare a trattenere un vero e proprio gioiello, su cui prima di tutti aveva creduto non più tardi di un anno fa. Ma nella dirigenza Rossoblù sanno come funziona il mercato, e se fai un prezzo, chi è davvero intenzionato arriva a quel prezzo.

Detto, fatto: è notizia di oggi che l’Arsenal fa sul serio per il numero 33 Rossoblù. Pronta un’offerta di 47 milioni di euro per il classe 2002, a cui verrebbe proposto un contratto a 3,5 milioni di euro a stagione fino al 2029. Il Bologna potrebbe rilanciare a 50 milioni, base di partenza fissata da tempo dai Rossoblù, ma la sensazione è che i Gunners, arrivati a questo punto, non si facciano spaventare. Il Bologna, dal canto suo, vuole chiudere la questione, in un modo o nell’altro, per avere il tempo di fare il proprio mercato in base alle esigenze, e non alle sensazioni.

Bologna, si lavora al dopo-Zirkzee

Sempre Giovanni Sartori, come detto in precedenza, ha parlato anche della situazione intorno a Joshua Zirkzee. Il concetto è stato semplice quando diretto: la clausola di Zirkzee fa si che il giocatore sia praticamente a un passo dall’addio al Bologna. Perché, qualcuno si chiede? Molto semplice: se si espone una persona come il Direttore Generale del Bologna, significa che qualcosa di concreto c’è. Il Manchester United è in pole, il Milan ormai sembra tagliato fuori: il problema sono sempre le commissioni, ma in ogni caso il Bologna sa di poterci fare davvero molto poco, e si è rassegnato all’idea che, in Italia o altrove, Zirkzee giocherà lontano dalle Due Torri.

Ma, anche in questa situazione, nessuna perdita d’animo: è il calciomercato, e a Bologna lo sanno bene. L’importante, per i Rossoblù, è non prolungare la questione per altro tempo. I Felsinei stanno muovendosi con cognizione di causa sul mercato, Holm e Miranda sono nettamente la prova. Per questo motivo, la priorità è risolvere questo rebus: serve trovare una punta, nel caso, che vada a sostituire anche come peso specifico Joshua Zirkzee. E il Bologna sa che non può aspettare troppo, in una stagione tra le più importanti della propria storia: il mercato non aspetta nessuno, e se i treni partono, difficilmente poi vengono ripresi.

Continua a leggere le notizie di 1000 Cuori Rossoblu e segui la nostra pagina Facebook

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *