Seguici su

Bologna

Il Resto del Carlino – Orsogol per Bologna e per l’Azzurro: la sfida è lanciata

Pubblicato

il

Damiano Fiorentini/1000cuorirossoblu.it


Undici, come i gol messi a segno nella scorsa stagione da Riccardo Orsolini, prima volta in doppia cifra per lui. Nove, come i gol messi a segno sino a questo momento dal numero 7 Rossoblù, che non sembra abbia intenzione di fermarsi. Dai suoi gol e dalle sue giocate passa molto di questo gran Bologna, soprattutto nell’ultimo mese: il nativo di Ascoli Piceno sembra aver finalmente raggiunto quella maturità calcistica e quella continuità considerata da sempre il suo tallone d’Achille. Lo sa lui, e lo ha notato anche Luciano Spalletti, ct dell’Italia, il quale è prossimo alla visita in quel di Casteldebole. 

Orsolini e Calafiori: l’Azzurro passa da qui 

Con l’Europeo alle porte, sono tanti i giocatori intenti a strappare gli ultimi biglietti direzione Germania. Per quanto riguarda Casa Italia, con vista Bologna, Luciano Spalletti è atteso a breve al Centro Tecnico “Niccolò Galli”, per osservare e parlare con i due Riccardo, ma non solo. Il primo, Calafiori, è quasi una convocazione annunciata: l’esponenziale crescita del classe 2002 in questo ritorno in Serie A era stata fatta notare proprio dal tecnico di Certaldo, poche settimane fa. Durante la prossima pausa, a meno di ripensamenti o di imprevisti, il suo nome ci sarà. Il secondo, Orsolini, ha già assaporato – di nuovo – la sensazione dell’Azzurro negli impegni precedenti, dopo tanto tempo. Il classe ’97 sa di giocarsi molto in questi mesi: con questo ritmo, la convocazione per l’Europeo è tutto fuorché utopia. Basti pensare che, insieme al pari ruolo Berardi, è l’attaccante italiano più prolifico, fino a questo momento. Attenzione anche a Giovanni Fabbian: il classe 2003 è nel giro dell’Under 21, ma Spalletti ha già messo gli occhi su uno dei prospetti più luminosi del futuro Azzurro.

Fonte – Marcello Giordano, Il Resto del Carlino

Continua a leggere le notizie di 1000 Cuori Rossoblu e segui la nostra pagina Facebook

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *