Seguici su

Calcio

Il Resto del Carlino – Sorteggi Nations League: un girone duro ma spettacolare per l’Italia

Pubblicato

il


Ieri, 16 dicembre 2021, si è tenuto il sorteggio della fase a gironi della Nations League e l’Italia di Roberto Mancini, è capitata nel gruppo 3, dovesi troverà, nuovamente, faccia a faccia con l’Inghilterra insieme alla Germania e l’Ungheria.

Questo torneo non è da sottovalutare, anzi, è fondamentale per i sorteggi di Euro2024 e potrà servire come allenamento e riunione per gli azzurri in vista del mondiale in Qatar, se gli spareggi di marzo permetteranno l’accesso.

I tifosi italiani non si aspettavano un girone così duro per i campioni d’Europa essendo la squadra una delle teste di serie ma a placare gli animi è il solito “Mancio” che, con la sua proverbiale capacità di stemperare le situazioni più accese e/o complesse, ci ha rassicurati e ci ha invitati a sedere e a goderci lo spettacolo.

I precedenti sono rassicuranti: solo lo scorso 11 luglio abbiamo hanno alzato la coppa a Wembley, proprio in terra inglese davanti agli uomini di Gareth Southgate ed è con questo pensiero che i giocatori della Regina scenderanno in campo, con la volontà di riscattarsi.

Vogliamo dimenticarci della “partita del secolo” contro la Germania nella semifinale di Mexico70? Una di quelle partite che resterà per sempre nella storia, la cui impresa è stata sentita dagli italiani proprio come se avessero vinto il mondiale (terminò con un 4-3 sofferto e indimenticabile ai supplementari). 

Ci spunta un sorriso anche quando pensiamo al mondiale di Spagna 1982 dove i campioni azzurri di Enzo Bearzot hanno piegato l’Argentina, il Brasile e in finale proprio la Germania Ovest con due gol di scarto.

Non è da sottovalutare l’Ungheria di Marco Rossi che si è difesa bene durante l’Europeo, sarà una “sfida tra italiani” dice Mancini.

Nessuno nega che sarà dura ma non mancheranno di certo le grandi emozioni.

Continua a leggere le notizie di 1000 Cuori Rossoblu e segui la nostra pagina Facebook

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

adv
adv

Facebook

adv