Meram festeggiato dai compagni Meram festeggiato dai compagni

MLS: Portland sempre in testa ad ovest, mentre Columbus alza la voce ad est

Scritto da  Apr 04, 2017

Terminati gli impegni nazionali, anche la MLS è tornata in campo a pieno ritmo.

Weekend molto divertente e pieno di risultati imprevedibili, che andremo naturalmente ad analizzare nelle prossime righe.

 

Partiamo dalla partita più aspettata della settimana, ossia Seattle contro Atlanta.

Probabilmente ci si aspettava ai fini dello spettacolo, qualcosa di più da questo incontro, terminatosi sul punteggio di 0 a 0. 

Ospiti che risentono dell' assenza di Martinez ( out per un mese ) e che per gran parte dei novanta minuti subiscono l' offensiva dei padroni di casa, molto più abili nelle ripartenze e sui calci piazzati.

Seattle vicinissimo al gol su calcio di punizione dalla tre quarti , quando Dempsey manda sul palo un colpo di testa a pochi passi dalla porta.

Atlanta dal canto suo è riuscita a sprecare quattro nitide occasioni, tre respinte in maniera eccellente da Frei, ed una, proprio sul finire della partita, salvata in scivolata da Morris ma è più il demerito di Jones che colpisce la sfera troppo superficialmente.

 

Altro 0 a 0, questa volta però molto più scialbo e meno emozionante, tra Toronto e Sporting Kansas.

Match decisamente noioso e lento. Unica azione degna di nota, la punizione dal limite dell'area di Giovinco al 60' minuto, che si stampa sulla parte alta della traversa.

 

NYCFC che conquista tre punti importanti battendo di misura i San Josè Earthquakes per 2 a 1. 

Ospiti che passano in vantaggio al 6' minuto grazie ad Urena.

La risposta dei newyorkesi non si fa aspettare; Harrison trova il pareggio dopo soli quattro minuti, complice una maldestra opposizione di Bingham.

Le due formazioni non si risparmiano, cercando in tutti i modi portare a casa il bottino completo.

Ad avere la meglio è New York, che concretizza un' ottima azione corale sfruttata al meglio da McNamara al 67' minuto.

L' espulsione di Bernadez a dieci minuti dalla fine costringe gli Earthquakes ad alzare definitivamente bandiera bianca.

 

Terzo pareggio consecutivo per i Montreal Impact, che per la seconda volta in quattro partite vedono sfumare la prima vittoria in stagione proprio nei minuti di recupero.

I canadesi sfidano i Chicago Fire nello stato di Illinois.

Tutti gli occhi sono puntati sul nuovo acquisto dei padroni di casa, Bastian Schweinsteiger, che non tradisce di certo le aspettative.

Il tedesco dimostra una buona condizione fisica e soprattutto tanta voglia di giocare, rendendosi protagonista al 17' minuto, quando porta in vantaggio i suoi grazie ad una potente incornata che non dà scampo a Bush e compagni.

Gli Impact ci mettono un po' per prendere le misure agli avversari, ma nel corso del match riescono a finalizzare le poche occasioni create, prima con Mancosu al 61', poi con Ballou al 90' minuto, ma proprio quando la compagine di coach Biello sembrava aver chiuso l' incontro, una girata al volo di Solignac al terzo minuto di recupero riportava le due squadre in parità, rigettando quindi lo sfortunato Montreal nei piani bassi della classifica.

 

Prima sconfitta in campionato per gli Orlando City, che devono arrendersi ai Columbus Crew per 2 reti a 0, passati proprio grazie a questa vittoria momentaneamente al comando della Eastern Conference.

Partita equilibrata dove nessuna delle due squadre è mai riuscita a prendere il pieno sopravvento, ma i padroni di casa dimostrano di essere decisamente cinici sotto porta , e grazie alla doppietta di Meram conquistano la terza vittoria di fila.

 

Primi tre punti pure per i DC United che sconfiggono tra le mura amiche i Philadelphia Union per 2 a 1.

I locali affrontano la prima frazione di gioco con molta intensità e grazie ad Ortiz ed un rigore di Acosta chiudono i primi 45' minuti in vantaggio di due reti.

Nel secondo tempo i DC calano e Philadelphia prova a rimettersi in carreggiata.

Sapong accorcia le distanze al 71' minuto, ma Hamid fa buona guardia e riesce a contrastare con efficacia l' assalto finale dei visitanti, che si svegliano troppo tardi ed incappano nella seconda sconfitta consecutiva.

 

Clamorosa vittoria per i Minnesota United, che strapazzano i Real Salt Lake per 4 a 2. 

Tutto molto facile per gli ospiti, che vanno in gol dopo appena quattro minuti con Mulhollad.

Probabilmente questo veloce vantaggio illude i Salt Lake, facendogli credere che la partita sia tutta in discesa, soprattutto sapendo che l' avversario è indubbiamente inferiore.

I Real non hanno però tenuto conto della grande voglia di Minnesota, che conosce perfettamente i propri limiti, ma che in qualsiasi circostanza ha sempre cercato di giocare a viso aperto contro tutte le squadre affrontate fino ad ora.

Mossa ed atteggiamento che si rivela vincente, con Molino e Ramirez che per settanta minuti saranno protagonisti assoluti del match; il primo insacca il pallone del 1 a 1 e realizza 3 assist, mentre il secondo va in gol per due volte, sfruttando la giornata da incubo della difesa ospite.

Venegas chiude definitivamente la partita al 68' minuto siglando il quarto centro della squadra locale.

Movsisyan realizza infine l' inutile secondo gol dei Salt Lake a tre minuti dalla fine della partita.

 

Sconfitta pesante dei New York Red Bulls, che vengono umiliati in trasferta dai Houston Dynamo per 4 a 1.

Wright Phillips porta in vantaggio la franchigia newyorkese al 13' minuto, ma per gli uomini di Marsch, da lì alla fine sarà notte fonda, con i padroni di casa nettamente più squadra, più compatti e decisi. 

Remick pareggia i conti, dopodiché è Torres show, con il messicano che segna tre reti giocando oltretutto una partita superlativa.

 

Altra figuraccia rimediata  dai Los Angeles Galaxy, sconfitti per 4 a 2 sul campo dei Vancouver Whitecaps.

Momento molto delicato per i californiani, che sembrano non avere una propria identità di gioco, cercando di sopperire le difficoltà tattiche con le giocate dei singoli, ma con questa mentalità si farà fatica a raggiungere anche solo i playoff.

Tre punti conquistati in quattro incontri sono un bottino assai magro per una franchigia il cui obbiettivo è quello di vincere il campionato.

Alessandrini e Dos Santos sono giocatori fuori categoria, ma per far fare il salto di qualità ai Galaxy molto probabilmente non bastano.

Alla doppietta di Alessandrini rispondono Techara, Montero e Laba ( doppietta anche per lui ). 

Vancouver dilagante nella seconda metà di gioco, capace di ribaltare il risultato ma soprattutto il morale dei californiani, che dopo aver subito la rete del 2 a 2 si sono sciolti come neve al sole.

 

1 a 1 tra Portland Timbers e New England Revolution. 

Partita gradevole, che ha visto i padroni di casa portarsi in vantaggio al 12' minuto grazie ad un gran gol del solito Valeri ( inizio di campionato incredibile per lui ).

I New England provano a restare in partita, cercando di ripartire in contropiede e sapendo che un secondo gol subito avrebbe decretato una sconfitta certa.

Al minuto 85', quando oramai i giochi sembravano segnati, ecco che arriva la doccia fredda per Portland, che subisce la rete del pareggio firmata da Nguyen.

 

Gol della settimana: Di Valeri dei Portland Timbers 

 

Classifica Eastern Conference: Columbus Crew comanda a 10 punti; Atlanta, NYCFC e New York Red Bulls a 7 punti; Orlando City e Toronto a 6 punti; Chicago Fire a 5 punti, New England e DC United a 4 punti; Montreal Impact a 3 punti; Philadelphia Union a 2 punti.

 

Classifica Western Conference: Portland Timbers a 10 punti; Houston Dynamo a 9 punti; Dallas a 7 punti; San Josè e Sporting Kansas a 6 punti; Seattle Sunders a 5 punti;  Colorado, Vancouver e Minnesota a 4 punti; Los Angeles Galaxy a 3 punti; Real Salt Lake a 2 punti.

 

Best 11 of the weekend: allenatore: Cabrera W. (Houston Dynamo ) col 4-3-3

Difensori: Farfan ( Timbers ), Delamea ( New England ), Svensson ( Sounders ), Crognale ( Columbus ).

Centrocampisti: Meram ( Columbus ), Schweinsteiger ( Chicago ),  Laba ( Vancouver ).

Attaccanti: Torres ( Houston ), Ramirez ( Minnesota ),  Techera ( Vancouver ).