Seguici su

Basket

Momento no per la Virtus, l’Efes non sbaglia e vince 99-75

Pubblicato

il

Foto Virtus Pallacanestro


ANADOLU EFES ISTANBUL – VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA 99 – 75 (26-15, 24-14; 23-25, 26-21)

Anadolu Efes Istanbul: Larkin 11, Beaubois 9, Bryant 21, Oncel 1, Thompson 26, Yildizli n.e, Pleiss 6, Osmani, Oturu 6, Daum n.e, Willis 9, Jones 10. All: E. Can 

Virtus Segafredo: Cordinier 9, Lundberg 14, Belinelli 10, Pajola 5, Lomazs 3, Shengelia 3, Hackett 6, Mickey 12, Polonara 5, Zizic 2, Dunston 4, Abass 2. All: L. Banchi 

Tiri liberi: EFS 20/25 ; VIR 18/20

Tiri da due: EFS 26/42 ; VIR 18/30

Tiri da tre: EFS 9/2a ; VIR 7/23

Rimbalzi: EFS 33 ; VIR 28

Falli: EFS 20 ; VIR 22 

 

La cronaca

Efes Istanbul: Thompson, Larkin, Beaubois, Osmani, Pleiss  

Virtus: Hackett, Belinelli, Cordinier, Polonara, Zizic

Parte forte la torre tedesca Pleiss con quattro punti in fila ai quali risponde prontamente la coppia Polonara – Hackett per il primo vantaggio Virtus. Contro sorpasso Efes dopo tre palle perse in fila dei bianconeri che al time out televisivo di metà quarto vanno in panchina sul 13-9. Le troppe palle perse (8) delle Vu Nere danno la possibilità di allungare ai padroni di casa che si stanziano sul +8, al quale le risposte offensive giungono solamente dalle giocate in conclusione o assistenza di Belinelli, la tripla di Thompson (10 punti) congela il risultato sul 26-15 al termine del quarto. 

Continua a non produrre l’attacco bianconero, lo fa invece l’Efes che apre con un 7-2 valevole per il +16 che obbliga Banchi al timeout. La Virtus si blocca per più di quattro minuti a livello realizzativo, prova a dare la scossa il neo entrato Lomazs con un importante 2+1 in penetrazione, 36-20, l’Efes risponde volando sul +20 al quale si oppone Mickey dai 6,75 prima e in 1vs1 poi. Ogni tentativo di rientro sembra però non attecchire con tante palle perse che pesano dovute alla pressione casalinga e una difesa sugli esterni quantomeno insufficiente per placcare le bocche da fuoco turche che si riportano ancora sul +20. Nei minuti finali domina la confusione in campo, l’Efes gioca un primo tempo fisicamente dominante e la Virtus non riesce a stargli dietro andando all’intervallo lungo sul 50-29, emblematici i dati delle palle perse 1-12 e dei rimbalzi offensivi 8-0. 

 

Pronti, via! Altre due palle perse per le Vu Nere, che provano ad aumentare i giri in difesa senza però trovarne riscontro immediato sul risultato, ma l’intensità sale anche a rimbalzo offensivo. Bianconeri che provano ad accorciare con ottime difese, ma l’emblema del momento arriva con la tripla su un piede di Bryant allo scadere dei 24 secondi, poi Beaubois ancora dall’angolo a consolidare il +20 casalingo dopo l’inchiodata a due mani di Cordinier. Tutte le occasioni per rientrare dai bianconeri vengono create in difesa, in attacco non arrivano però le adeguate risposte e le transizioni biancoblù puniscono puntualmente la squadra di Banchi, che ferma ancora una volta i suoi sul -23. Al rientro dal timeout arriva un parziale di 0-5 degli ospiti, si chiude sul 73-54 il terzo periodo. 

Non mollano le Vu Nere che provano con le seconde linee a risalire nel passivo, Thompson però è sempre pronto a punire le disattenzioni bianconere, risponde ancora una volta il positivo Mickey dai 6,75. Quando un tentativo di rientro sembra potersi prospettare, due errori costano caro e il passivo ritorna sul -22 e Banchi chiama il timeout quando mancano 5 minuti sul cronometro. Gli ultimi minuti di gioco sono puro garbage time, con l’Efes che dilaga sugli errori virtussini, una gara difficile che arriva in un momento di calo fisiologico a livello fisico e mentale. I turchi giocano una partita da dentro fuori per la classifica vincendo con il risultato di 99-75.      

   

 

Continua a leggere le notizie di 1000 Cuori Rossoblu e segui la nostra pagina Facebook

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

adv
adv

Facebook

adv