Seguici su

Bologna

Verso Genoa-Bologna, Patrone (PianetaGenoa): «Gilardino migliora perché fa tesoro degli errori del passato»

L’intervista al collega di PianetaGenoa in vista della gara di questa sera…

Pubblicato

il

Alberto Gilardino, allenatore del Genoa
Alberto Gilardino in allenamento (© Genoa CFC)

Stasera ultima gara di campionato per il Bologna a Marassi contro il Genoa. Sarà Thiago Motta, all’ultima sulla panchina dei felsinei, contro Gilardino.

Per parlare del momento della formazione ligure e della gara di questa sera abbiamo fatto una chiacchierata col collega di PianetaGenoa, Francesco Patrone.

Che momento sta vivendo il Genoa che arriva a questa sfida col Bologna dopo essere stata “arbitro imparziale” della lotta salvezza?
«Era dovuto ai tifosi, non solo genoani che quest’anno hanno riempito tutto l’anno lo stadio per il 97% ma di tutta la Serie A. Perché è la regola dello sport, si scende in campo per vincere o almeno dare il massimo per farlo. Nonostante l’obiettivo salvezza raggiunto da oltre un mese, la squadra ha continuato giustamente ad impegnarsi onorando il torneo».

Sono rimasto colpito dalla prestazione del Genoa contro il Cagliari. Nel corso della stagione ha sviluppato nuove trame offensive di gioco, oltre a mantenere una buona solidità difensiva…
«Dici bene. Gilardino ha fatto tesoro degli errori del girone di andata. E, oltre questo aspetto, ha corretto anche la tendenza del Genoa a prendere col nel finale di gara. Era successo anche a Bologna nella gara d’andata col pareggio di De Silvestri. Nel girone di ritorno questo non è più accaduto, rendendo evidente il miglioramento. E anche tatticamente è cambiata l’impostazione, con Gila più incline a cambiare modulo durante la stessa partita. A dimostrazione che Gilardino è maturato insieme alla sua squadra».

Che cosa ci si aspetta ancora da Gilardino: come e in che cosa può ancora migliorare come tecnico?
«Gila piò migliorare sicuramente. Soprattutto facendo tesoro dell’esperienza di quest’anno. Molto però dipenderà dalla squadra che gli verrà costruita, perché il tecnico è importante, ma anche i giocatori. Ma, avendo firmato il rinnovo di contratto dice che Gila crede molto nel progetto volto a migliorare anno dopo anno. Se quest’anno l’obiettivo era una salvezza tranquilla, obiettivo conseguito, l’anno prossimo magari si guarderà alle posizioni che portano all’Europa. Il Genoa probabilmente finirà il torneo all’11°, l’obiettivo sarà la parte sinistra della classifica. Imitando magari il percorso del Bologna che quest’anno ha fatto un campionato superiore ad ogni più rosea immaginazione».

Stasera sarà, tra le altre cose, l’ultima partita di Thiago Motta al Bologna, che gara ti aspetti dai felsinei e dal Genoa?
«Credo sarà una gara divertente, tra due squadre che hanno la mente libera. Potrebbe anche saltare qualche schema. Mi aspetto una partita divertente con tanti gol. Lo stadio sarà pieno quindi sarà un grande spettacolo. Sarà una festa e il risultato conterà il giusto».

Ti aspetti una formazione rimaneggiata per dar spazio a chi ha giocato meno?
«Sicuramente utilizzerà i cambi per far giocare tutti. Potrebbe rientrare Messias e dovrebbe tornare Bani, che è stata una colonna portante di questo Genoa. Mi aspetto davanti la coppia Gudmundsson-Retegui. L’italo argentino deve segnare qualche gol in vista di Euro2024; mentre per Gudmundsson potrebbe essere l’ultima gara col Genoa perché a quanto pare ha diverse offerte. Vedremo se la società cederà o riuscirà a tenerlo, tuttavia il club deve fare un mercato in pareggio quindi almeno un pezzo pregiato dovrà essere ceduto per finanziare il mercato».

Continua a leggere le notizie di 1000 Cuori Rossoblu e segui la nostra pagina Facebook

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *