L'uomo della domenica: Baldursson e la meglio gioventù

Scritto da  Feb 23, 2020

Questa 25esima giornata di campionato la ricorderemo come la svolta della meglio gioventù rossoblù. Si perché i veri protagonisti del Dall'Ara, ieri, sono stati proprio loro, i ragazzi della Primavera di Troise. Si sono allenati tutta la settimana insieme agli unici undici titolati della prima squadra, pronti a dare il loro contributo. Se la sono meritata questa panchina di serie A, una panchina che fa luccicare gli occhi e battere il cuore a chiunque ci si avvicina per la prima volta. Possiamo solo immaginare la loro ansia e trepidazione, seduti a guardare la partita e speranzosi di una loro eventuale chiamata in campo. A Baldursson e Juwara è successo proprio così, anche se per il giovane gambiano non era la prima volta. Va decisamente sottolineato l'esordio di Baldursson, questo centrocampista islandese di 18 anni che ha dimostrato subito una grande personalità. La sua entrata ha permesso di semplificare il gioco nella tre quarti e in mediana, con quei passaggi in più, puliti e precisi, ed anche un tentativo in porta. Complice anche l'innesto del suo compagno Juwara, tutta la squadra ha alzato di più il suo baricentro. Questi giovanissimi ragazzi fanno ormai parte di un organico preparato durante gli allenamenti, basato su fiducia reciproca e mentalità vincente. La regia di questo bellissimo film, "La meglio gioventù", stavolta è del BolognaFc, una società che sta investendo sui giovani talenti con un'accuratezza e progettualità a lungo termine fuori dal comune. Abbiamo pareggiato, ma questo pareggio vale una vittoria perché abbiamo dimostrato che, in qualsiasi frangente di difficoltà, noi non molliamo, titolari e Primavera insieme.   

Claudia Aldrovandi

Tifosa e autodidatta inizio a scrivere articoli e a fare interviste presso lo Stadio dall’Ara.
Successivamente apro la mia pagina Facebook IlBolognadiClaudia ed ora eccomi qui!