Yasen Petrov Yasen Petrov fonte immagine: Twitter ufficiale Nazionale Bulgara

L'altro spogliatoio: la Bulgaria di Yasen Petrov

Scritto da  Mar 28, 2021

Seconda partita in pochi giorni per gli Azzurri di Roberto Mancini, che questa sera allo Stadio Vasil Levski di Sofia sfideranno la Bulgaria. L’Italia si troverà davanti una squadra ferita dalla dura sconfitta inflitta dalla Svizzera, che in poco più di 10 minuti ha chiuso la pratica. Gli Azzurri dovranno anche sfatare un record molto particolare: nelle precedenti quattro sfide disputate tra le due Nazionali in Bulgaria, l’Italia non è mai riuscita ad avere la meglio dei Leoni. L’ultimo precedente in terra bulgara risale alle qualificazioni europee, nel 2015, quando sulla panchina dell’Italia sedeva Antonio Conte e la partita terminò 2-2.

SQUADRA ACCORTA – Il CT Yasen Petrov sarà solo alla sua seconda partita sulla panchina della Bulgaria. Nonostante sia stata letteralmente travolta dagli svizzeri, l’atteggiamento dei bulgari è stato molto accorto con un 3-4-2-1, che in diverse fasi della partita è mutato più in un 3-5-2. È difficile tuttavia fare previsioni sullo schieramento tattico dei bulgari. Il CT era infatti molto insoddisfatto della partita disputata dai suoi calciatori e ha annunciato molti cambiamenti. Uno di questi potrebbe essere l’impiego anche del rossoblù Antov, che contro gli Elvetici aveva assistito all’intera gara dalla panchina.
L’impressione è che viste le caratteristiche dei giocatori offensivi bulgari e il modo di interpretare le gare della Nazionale Italia, la Bulgaria adotterà ancora un atteggiamento più difensivo per provare a mantenere in equilibrio la gara e colpire in contropiede.

FISICO E VELOCITÀ – I Leoni contano molto sulla fisicità della loro mediana e della loro difesa. L’occupazione degli spazi e la superiorità fisica sono le migliori armi di contrasto di cui sono in possesso.
È difficile tuttavia che potranno resistere in maniera passiva per 90 minuti, contro gli Azzurri sempre più in confidenza col loro gioco basato sul possesso e la riconquista rapida del pallone. Per questo motivo il CT bulgaro sembra intenzionato a confermare i due trequartisti dietro l’unica punta Iliev. A Despodov e Yomov sono affidate le speranze di ripartenza dei bulgari. I due calciatori sono dotati di ottima velocità e in particolare il primo, che conta anche una breve esperienza in Italia con la maglia del Cagliari (società con cui è ancora sotto contratto, ma ora in prestito al Ludogorets), ha abilità nel dribbling e nella conclusione in porta.

Insomma, per gli Azzurri questa sera ci sono tutte le possibilità di sfatare il tabù trasferta in Bulgaria. I tre punti sono nelle mani, anzi nei piedi soprattutto dei calciatori di maggiore qualità.

Stefano Francesco Utzeri

Studio Giornalismo all'Università di Parma inseguendo il mio sogno: raccontare lo sport e i suoi protagonisti. Nativo digitale sedotto dai Beatles e Marty McFly.