Intervista di Noèlia Llobera per ' El Perimetro' ad Abby Bishop.

Scritto da  Dic 27, 2020

 

 

Abby Bishop, giocatrice passata tra le fila dello Spar Girona la scorsa stagione, in questa stagione è una delle sensazioni del basket europeo proveniente dall'Italia, dove guida una Virtus Bologna che ha concluso il primo turno con un bilancio di 11 vittorie e 1 singola perdita. L'australiana ha una media più che notevole di 18,5 punti, 8 rimbalzi e un PIR di 21,6.

Ma al di là della sua indiscutibile qualità sulle piste, che l'hanno portata anche a vincere una medaglia olimpica e un anello WNBA, l'outback australiano si distingue per la sua storia ispiratrice di lotta sociale per i diritti delle madri sportive.

 

Cominciamo dall'inizio. Cosa ti ha fatto iniziare con il basket?

Ho iniziato a suonare tardi, quando avevo circa 14 anni. Prima giocavo a netball ed ero abbastanza brava. Ma dato che ero alta mi hanno detto di provare il basket e una volta che l'ho fatto ho capito che era qualcosa che volevo fare. Ho scelto di restare con il basket per le opportunità, giocare alle Olimpiadi, giocare all'estero e cose del genere. Vengo da una piccola città rurale in Australia e non c'erano molte opportunità lì, ma i miei genitori mi portavano nella grande città, che era a tre ore di distanza, due o tre volte a settimana per giocare a basket. Alla fine è andato tutto bene, ma con tanti sacrifici.

 

Avevi un idolo da guardare da bambino?

Sì, avevo due idoli. Una era Lauren Jackson, ovviamente. È una delle migliori giocatrici di basket della storia. L'altra era un'altra giocatrice australiana, Rachel Sporn, che ha giocato in diverse Olimpiadi. Era una interiorista, una ragazza di campagna come me… Per me è stata un ottimo modello da guardare perché è sempre stata molto umile, ha lavorato sodo e non è mai stata la superstar, ma ha sempre adempiuto al suo ruolo.

Hai passato molte stagioni a giocare nella WNBL e hai anche vinto l'MVP ... Come descriveresti l'Australian League a chi non la conosce?

L'Australian League si sta rafforzando, c'è molta concorrenza. Ovviamente l'Australia è presente nella classifica mondiale, quindi i giocatori australiani sono molto bravi. È molto diverso, gli australiani hanno un QI molto alto, sono molto fisici e sanno tirare. Nel mio caso, giocare in diversi campionati del mondo mi ha aperto gli occhi su quanto sia diverso. È più corto e ti alleni meno che in Europa, ma è comunque competitivo ed è meno stressante per il tuo corpo. Senza dubbio, è uno dei più buoni campionati del mondo e continuerà a crescere.

 

Hai parlato di Australia ed Europa, ma eri anche nella WNBA con i Seattle Storm e hai anche vinto il campionato nella tua prima stagione.

Sì, era il mio primo anno, ero giovane, giocavo poco ma capivo perfettamente. Ho avuto l'opportunità di giocare con Lauren Jackson, Sue Bird, Swin Cash, Camille Lyttle… Era un meraviglioso gruppo di donne e vincere il campionato è stato assolutamente incredibile.

Poi sono tornato lì per altre due stagioni, in cui avevo più minuti, anche questo è stato fantastico. So che non sarò mai un giocatore di impatto in quei campionati, ma se posso andare a svolgere il mio ruolo quei minuti sono perfetti. Quindi sì, penso che sia stato uno dei miei successi, far parte di quella squadra e vincere il campionato era qualcosa che molte persone sognano.

 

Parli di Lauren Jackson, hai condiviso uno spogliatoio con lei in vari momenti della tua carriera ... Cosa pensi che l'abbia fatta salire così in alto nel basket?

Penso che fosse la sua mentalità, era incredibile e sperimentarlo, essere intorno a lui nei giorni delle partite era qualcosa di speciale. Prima dei giochi schioccava le dita e entrava in modalità concorrente. È ovviamente molto alta e atletica e proviene da una buona famiglia di giocatori, ma alla fine penso che sia stata solo la sua mentalità. Era una vincitrice e si è rivelata tale in ogni partita. Questo è ciò che lo ha reso così eccezionale.

 

 

Abby Bishop con Lauren Jackson e Alison Lacey

 

E quale pensi sia stato l'impatto per l'Australia di avere una giocatrice come lei?

Penso che sia molto importante per i ragazzi e le ragazze avere modelli di ruolo per le sportive e vedere Lauren Jackson realizzare ciò che ha ottenuto ha dato molte speranze. Avere un esempio come lei, che era una ragazza di campagna che ha dovuto lavorare molto ma alla fine ha ottenuto tante cose è qualcosa di molto positivo. Continua anche ad essere un esempio da seguire oggi. Ha smesso di giocare, ma ora è una donna che prende decisioni nel mondo del basket. Tutti hanno bisogno di qualcuno a cui guardare e lei è decisamente quello.

Hai anche fatto parte della nazionale australiana e forse uno dei tuoi momenti più memorabili è quella medaglia di bronzo ai Giochi di Londra ...

Chiaramente andare ai Giochi è un grande traguardo e poi tornare con una medaglia è incredibile. Tuttavia, è stato un po’ deludente perché non siamo riuscite a giocarcela pre l'oro. L'Australia era sempre stata in finale, quindi ci siamo sentiti come se avessimo deluso un po 'il nostro paese finendo terzi. Tuttavia, alla fine otteniamo una medaglia. Inoltre, nel mondo degli sport i giochi sono il sogno di tutti, vuoi raggiungere la vetta e quella è la più alta. Per me è stato un sogno diventato realtà e posso parlare a nome di molte persone che dicono la stessa cosa.

 

Un altro momento di cambiamento per te è arrivato nel 2014, quando hai adottato tua figlia Zala perché tua sorella non poteva prendersi cura di lei ...

Sì, l'ho adottata nel 2013 in ospedale quando aveva due giorni. Non rimpiango nulla. So cosa dovevo fare in quel momento e che sia lei che io abbiamo avuto molta fortuna. Non è stato facile, sono passati sette anni da allora e lei viaggia sempre con me. Ma ogni squadra in cui ho fatto parte mi è stata di supporto e ho avuto delle brave babysitter. Tutti i miei compagni di classe sono stati incredibili, siamo una grande famiglia e tutti mi aiutano.

Non mi sono mai guardato indietro e ho pensato "Perché l'ho adottata? Ho preso quella decisione e ora decido tutto in base a ciò che è meglio per me e per lei. Mi ha aiutato molto a crescere come persona e a capire di più sulla vita. Il punto più importante per me era pensare che ci sono più cose nella vita oltre al basket, e lei me lo ha insegnato. Sono semplicemente grato che tutto sia andato così, che non sia in affido e che possa crescere con me, con la sua famiglia.

 

 

 

 

Dici che ci sono più cose nella vita del basket, ma sei riuscito a rendere questo sport migliore per molte altre persone. Ultimamente stiamo assistendo a un movimento molto importante per la giustizia sociale nella WNBA. Ma in qualche modo, hai iniziato questo molto prima, con la tua federazione nazionale.

Sì, sono sempre stato una di quelle persone che ha sempre messo tutti davanti a me ed è quello che ho fatto quando ho parlato contro la politica dei genitori a Basketball Australia. Non l'ho fatto appositamente per me stessa, perché sapevo che in quel momento non mi avrebbe giovato, ma era importante per il futuro di tante altre donne. Se qualcosa non va, ne parlerò perché è quello che possiamo fare come atleti, abbiamo una piattaforma e una voce per questo.

Il fatto che le donne della WNBA parlino di Black Lives Matter e chiedano giustizia per tutti coloro che hanno purtroppo perso la vita a causa della brutalità della polizia mi rende molto felice. Sono contenta che possano avere una voce e usarla per aumentare la consapevolezza, perché è quello di cui abbiamo bisogno. Non siamo solo atleti, siamo persone e alla fine se possiamo influenzare e aiutare le persone a imparare le cose, avremo fatto il nostro lavoro. Questo è ciò che intendo quando dico che c'è di più nella vita oltre al basket.

 

Alla fine Basketball Australia ha riconsiderato la sua politica e sei riuscito a tornare in squadra dopo aver saltato il Mondiale 2014. Pensi che la situazione sia migliorata nel tempo?

Sì, dopo che ho resistito a questo, è diventata una notizia e la gente ha iniziato a parlarne. Ovviamente poi Basketball Australia ha deciso di adottare una politica genitoriale in modo che le giovani madri possano continuare a lavorare con i propri figli. Questo è qualcosa di cui sono estremamente orgoglioso perché ne sono stata la forza iniziatica e mi rende molto felice vedere altre donne continuare a fare il loro lavoro con i loro figli.

Hai anche viaggiato molto, hai suonato in molti paesi, sei stato in Europa ultimamente, come vedi la situazione qui?

Non conosco esattamente i dettagli, ma la maggior parte delle squadre in cui ho fatto parte sono state meravigliose, mi hanno sempre aiutato. Normalmente nei miei contratti non ho molte cose sulla cura di Zala, è qualcosa che faccio da solo, ma le squadre mi danno sempre supporto. Penso che in generale in Europa dovrebbe esserci una sorta di politica, una sorta di documento su cosa fare con le giocatrici con bambini, ma non ho mai avuto una brutta esperienza in Europa, solo in Australia.

 

Ovviamente devo chiederti anche del Girona, dove hai giocato  l'anno scorso. È stato un periodo breve, ma come lo ricordi?

Girona è stato uno dei miei momenti preferiti in Europa. Purtroppo sono stato lì solo per due mesi a causa del covid, ma è stata un'ottima esperienza. Amo la cultura spagnola e la squadra di Girona e le persone coinvolte nel club sono davvero speciali. Sarà uno dei ricordi che rimarrà per sempre perché mi è piaciuto tantissimo. A volte giochi e non ti diverti così bene, diventa più un lavoro, ma quella volta mi ha aperto gli occhi perché mi sono divertita molto.

 

 

 

 

 

 

Mi piacerebbe molto tornare e visitare tutti un giorno, mi sono davvero piaciute le persone e il campionato spagnolo, che è uno dei migliori in cui abbia giocato. Avrei voluto restare più a lungo, ma è quello che è, sono solo grato che sia stato un capitolo della mia storia nel basket.

 

Penso che i bei ricordi siano reciproci, eri piccolo ma sei riuscito a conquistare i fan velocemente. Sei stato anche un punto di svolta per la squadra ...

È stato pazzesco… sono arrivato lì e c'è stata l'alluvione, poi il coronavirus… Ma i tifosi sono stati incredibili. Come dici tu è stata una svolta perché quando sono arrivata la squadra soffriva e non dico che sia stato per il mio arrivo, perché non è così, ma abbiamo ribaltato la situazione ed è stata una bellissima esperienza.

 

Adesso sei alla Virtus Bologna, in Italia, e giochi ad alto livello, sei addirittura in testa al campionato a punti a partita… Quali sono le tue aspettative per quest'anno?

Quando sono arrivata in Italia non ero proprio sicura di cosa aspettarmi perché la squadra non ha fatto una buona stagione l'anno scorso, ma ora sono qui e penso che siamo una delle squadre migliori. Penso che dobbiamo continuare a vincere, se continuiamo a lavorare penso che possiamo finire tra i primi quattro. Abbiamo una buona squadra e penso che molti altri ci sottovaluteranno.

Personalmente voglio solo divertirmi e godermi la stagione. Ovviamente voglio continuare a giocare bene, perché questo aiuta la squadra e abbiamo un gruppo di persone meraviglioso, sia i giocatori che l'allenatore. Penso che quando ti diverti giochi un buon basket ed è quello che voglio fare. Voglio continuare così e tradurlo nel gioco.

 

Ultima modifica il Domenica, 27 Dicembre 2020 13:53