"Forza, coraggio e stabilità le chiavi di domani" - Così Dalmonte alla vigilia di Fortitudo-Cantù

Scritto da  Apr 24, 2021

 

 

"Forza, coraggio e stabilità risiedono dentro il significato Fortitudo, ed è necessario che trasportiamo questi tre elementi insieme sul campo per costruire insieme tatticamente e tecnicamente la partita."

Deciso, chiaro e concentrato coach Luca Dalmonte alla vigilia della gara contro Cantù (domani ore 20.30, Unipol Arena) che per la Fortitudo vale una stagione. Una stagione molto differente rispetto alle previsioni iniziali. Gran parte del roster è cambiato, allenatore compreso. Una squadra che domani sarà più mal completo del solito anche se non al 100% (Hunt sarà a disposizione ma rientra da uno stop che non gli ha permesso di giocare la gara contro Venezia).

Questo però, sottolinea il coach non deve distrarre: "Non serve pensare agli acciacchi, farci spostare da questi. Dobbiamo andare a prendere altre risorse e tenere lontani i pensieri che potrebbero essere fuorvianti e condizionati."

Che partita sarà quindi? "Una partita chiaramente molto nervosa, dentro al quale la stabilità deve essere dominante. Non dobbiamo farci condizionare da un episodio negativo ma rimanere ben radicati dentro la partita. Mi aspetto una gara in cui Cantù cercherà di far esplodere il talento delle guardie. Sarà importante l'aspetto tecnico e tattico ma ancor di più l'essere radicati, presenti e costantemente in controllo insieme. Sono situazioni che esulano dal punto di vista tattico e il grande senso di responsabilità deve alimentare tutti questi aspetti di presenza mentale dentro la partita."

"Difendere tutti insieme il nostro simbolo sta dentro il senso di responsabilità che ci deve accomunare per stare tutti insieme dentro la partita" ribadisce Dalmonte, consapevole di quale può essere la chiave della partita di domani per salvare, letteralmente, una stagione.

Ultima modifica il Sabato, 24 Aprile 2021 11:39
Eugenio Fontana

Appassionato di storie sportive e di pallone, ciclismo e palla a spicchi. Tifosissimo rossoblù da sempre. La prima prima partita che ho visto allo stadio è stata di Coppa Intertoto nel 1998: Bologna-National Bucarest 2-0.