RS - RdC - Pioli a nervi tesi - 7 gennaio

Scritto da  Gen 07, 2013

Dopo Napoli, la speranza era quella di bissare nel risultato e punti quella partita e il fatto di non esserci riuscito, ci fa apparire un Pioli decisamente nervoso e deluso.
"Così non va" parlando in sala stampa "non era questo il modo di chiudere il girone di andata. Tra Parma e Genoa sono arrivate due sconfitte che non avevamo messo in conto".
Così poi continua il racconto del Mister, nell'articolo dell'ottimo Massimo Vitali: "Non  si può restare un'ora in partita senza correre grandi rischi e anzi sfiorando il vantaggio e poi, preso un gol, giocare come abbiamo giocato l'ultima mezz'ora. Dobbiamo cambiare perché 11 sconfitte sono troppe e 2 goals a partita nelle ultime tre gare sono troppi. È il campionato non ci aspetta".
È un fiume in piena Pioli e continua nel suo racconto: "Ieri il Bologna è mancato nella voglia e nella convinzione di portare a casa il risultato". Oggi di questo e d'altro ne parlerà coi suoi ragazzi nelle 4 mura di Casteldebole ma ribadendo un concetto: "Ho parlato di mezz'ora sbagliata non da dimenticare". La chiacchierata, in conclusione, non poteva non toccare il tasto mercato: "Con la società sono stato chiaro: ci sono delle priorità. È a prescindere dalla partita di oggi , c'è bisogno di qualcosa. Khrin? L'ho tolto perché mi sembrava quello più affaticato e ho inserito Diamanti perché la squadra restasse alta per provare a ribaltare il risultato. Adesso viene il Chievo (sabato ndr) e mi aspetto una reazione importante da parte del gruppo".

E reputiamo che anche i tifosi si aspettino questo.

Ultima modifica il Sabato, 27 Agosto 2016 23:44