RdC - #BFCCagliari: obiettivo vittoria fra le mura amiche - 2 dic

Scritto da  Dic 02, 2017

 

 

Domani lui c'è e già questa è una buona notizia. Lui è il nostro Presidente, Joey Saputo, che è sbarcato ieri mattina tardi a Bologna e sarà presente domani, come talismano, per il match contro la squadra di Diego Lopez. La sua presenza non è casuale e vuole essere da stimolo: infatti, dopo la forte reprimenda di tre settimane fa quando i rossoblù di casa perdevano inopinatamente fra le mura amiche contro i rossoblù calabresi, inanellando la quarta sconfitta consecutiva, la squadra ha ricominciato il percorso della vittoria, due nelle ultime due partite, riportandosi a ridosso delle grandi. Ma il Dall'Ara non è ancora quel fortino, quel bunker che un "campo di casa" dovrebbe essere per chi ambisce ad una classifica importante: infatti sulle 14 partita fin qui giocate, 7 sono state giocate fra le mura amiche, esattamente la metà. Purtroppo la contabilità dei punti  di queste partite "dice" male ai rossoblù, perché solo in due occasioni (Spal e Sampdoria) la vittoria è stata festeggiata fra gli spalti di casa, mentre per ben cinque volte la squadra ha imboccato la via degli spogliatoi con l'amaro gusto della sconfitta fra le labbra. E nonostante ciò, il cammino virtuoso dei rossoblù in trasferta, ha permesso di inanellare i 20 punti che attualmente pongono al settimo posto i ragazzi di Donadoni, insieme a Milan e Chievo. E proprio Milan e Chievo, in questo rigoroso ordine, saranno gli avversari dei prossimi due turni "in trasferta"dei rossoblù, per cominciare a vedere se il Bologna merita questa posizione o è frutto di alchimie fortuite di un calendario in continua evoluzione. Evoluzione che dovrà necessariamente progredire anche e soprattutto nei match in casa, a partire da quello di domani col Cagliari; il prossimo sarà invece un pelo più complicato, perché sarà contro i campioni d'Italia della Juventus. Ma di quella partita ce ne occuperemo a tempo debito.

Ultima modifica il Sabato, 02 Dicembre 2017 09:31
Torben Grael

Amante delle profondità umane e ricercatore delle motivazioni che muovono l'universo mondo, ama lo sport di squadra e ogni sua evoluzione possibile, la musica AOR e tutto quanto si chiama "PROSPETTIVA"