Repubblica - Merola: "Il Dall'Ara come il Nettuno, restaurarlo è un dovere"

Scritto da  Set 11, 2018

Dagli studi del Pallone nel 7 di èTV, ha parlato il sindaco di Bologna Virginio Merola, ribadendo l'intenzione del Comune per quanto riguarda la questione stadio: "I 30 milioni per lo stadio ce li possiamo permettere e Bologna, di uno stadio rinnovato, ha assoluto bisogno". Parole convincenti di Merola, che gonfia il petto raccontando di come il debito comunale sia sceso di più di 100 milioni dal 2011 ad oggi, denunciando una gestione ottimale e quindi conti a posto in vista della spesa stadio.

In settimana verrà avviata l'istruttoria per presentare alla città il progetto esecutivo, che verrà esposto massimo ad inizio ottobre. Nel progetto non verranno inclusi i Prati di Caprara: "Per noi non è opportuno fare una città della moda: quell'area è destinata a diventare un parco, con case da affittare a prezzi calmierati. Non abbiamo bisogno di cementificare altre parti del territorio".
Si corre quindi verso il rinnovamento del Dall'Ara: "Nessuno obietterebbe nulla se si dovesse restaurare Palazzo Re Enzo o il Nettuno. Credo che avremo uno stadio bellissimo senza quella ferraglia gialla esterna, regalo dei Mondiali del 1990. Il Dall'Ara diventerà anche una grande attrazione per il turismo, inserito nel circuito dei portici di San Luca".

Insomma il Comune è sempre più convinto a concretizzare un progetto iniziato tanto tempo fa. Questo nuovo Dall'Ara si farà, e sarà una struttura rinnovata e piena di attrattive, come ha dichiarato Amelia Frascaroli (consigliera di maggioranza esterna al gruppo PD): "Accanto ai 30 milioni proporrei una riflessione fondante perchè il Dall'Ara provi ad essere di nuovo un luogo di aggregazione e incontro per tutti e per tutti gli sport. Il Dall'Ara non dovrà essere soltanto lo stadio per le partite casalinghe, altrimenti non avrebbe senso spendere tanto per eventi che si realizzano ogni 15 giorni. Dovrà essere una grande piazza, visto che, dopotutto, resta inserito nel cuore della città".


(Fonte: Luca Baccolini - Repubblica)

Davide Centonze

Appassionato di calcio e soprattutto tifoso rossoblu. Attualmente frequentante il corso di scienze della comunicazione con il sogno di diventare giornalista sportivo.