Perchè il 2020 non potrebbe essere l'anno del Bologna FC Femminile?

Scritto da  Mag 05, 2019

Il campionato del Bologna Femminile è ormai finito da una settimana, l’obiettivo stagionale era molto ambizioso, probabilmente troppo, e non è stato raggiunto. La volontà della società era quella di cercare la promozione in Serie B, ma solamente la prima di ognuno dei tre gironi di Serie C, era ammessa ai play-off per conquistare il passaggio di categoria. Impresa già complicata sulla carta, divenuta impossibile poi sul campo per l’ottima stagione della San Marino Accademy e per la grande competitività di squadre come Sassari Torres, Pontedera, Perugia e Jesina. Le rossoblù così si sono dovute accontentare di un quinto posto. Tanti i punti che le separano dalla vetta, decisamente troppi per quanto si è visto in campo, perché se è vero che la formazione bolognese ha zoppicato contro le grandi in termini di risultato è anche vero che è stata sempre un brutto cliente per tutte le compagini avversarie, concludendo la stagione con la miglior difesa dei tre gironi di Serie C, e producendo tantissimo, in termini di gioco, rispetto a quello che alla fine ha raccolto.

Una formazione parecchio giovane per altro, spesso con età media inferiore alle proprie rivali e con tante giocatrici prelevate dalle giovanili, una formazione dunque che necessiterebbe di pochi innesti mirati per poter fare un salto qualitativo forse sufficiente per essere davvero promossa. In questo quadro, si inserisce un settore giovanile in crescita, che potrebbe sfornare nei prossimi anni giocatrici di talento.

L’ASD Bologna F.C. 1909 Femminile, collabora a stretto contatto con il Bologna F.C. 1909 Spa, ma non ne fa ancora parte, e non ha un vero e proprio “main sponsor” che la aiuti a rinforzarsi ed a strutturarsi. In un momento in cui il calcio femminile in Italia (e non solo) sta prendendo sempre più piede (non a caso in questo 2019 c’è stato il primo Torneo di Viareggio per squadre femminili), un investimento che nel calcio maschile sembrerebbe “scarso”, potrebbe invece essere enormemente utile ad una società come il Bologna Femminile per cementare le basi e recuperare il gap con le formazioni più importanti (non solo della Serie C). Forse come pensa il Bologna Spa, non è ancora il momento giusto per aggiungere al proprio business la branca femminile, ma se quest’anno sono stati lanciati gli e-sports, perché il 2020 non potrebbe essere l’anno in cui il Bologna si dota definitivamente di una formazione femminile e cerca di portarla nelle serie che le competono? Perchè non pensare di ampliare e rinnovare la platea di tifosi rossoblù, aggiungendo davvero ed al 100% una squadra femminile?

Squadre meno attrezzate del Bologna di Saputo hanno anche una formazione femminile, ed addirittura navigano in campionati migliori rispetto alla formazione maschile... perchè non puntare anche sulle ragazze rossoblù, per dare ulteriore lustro alla società? Ques'anno la Juventus nei propri social ha spinto tantissimo sul fatto che lo scudetto della Serie A, è stato assegnato nello stesso giorno dello scudetto della Serie A Femminile, vantandosi di aver vinto due scudetti lo stesso giorno. A Bologna c'è una squadra matura per il salto di qualità, con un buon settore giovanile, in una zona tutto sommato centrale e vicina alle grandi realtà del calcio femminile (Lombardia, Veneto, Friuli e Toscana)... perchè non provarci?

Ultima modifica il Domenica, 05 Maggio 2019 09:02
Simone Zanetti

Simone Zanetti (aka Eldias), parte del Direttivo di 1000 Cuori Rossoblu e (presunto) web-master del sito.
Appassionato di Bologna ed Archeologia, oltre a tifare Bologna FC e Fortitudo Baseball, tifa (inspiegabilmente) per il Cruz Azul.