Riccardo Bigon Riccardo Bigon Bologna FC

Bigon scatenato: il Bologna per ora non ha sbagliato un colpo

Scritto da  Giu 27, 2019

Da sempre, uno degli obiettivi principali per i direttori sportivi, oltre a quello di prendere giocatori forti, è quello di riuscire a costruire l'ossatura della squadra prima del raduno dopo le vacanze. In questo Riccardo Bigon si sta muovendo perfettamente: prima ha riscattato (obbligatoriamente) Sansone e poi Soriano, in seguito ha chiuso un'operazione fondamentale con la Juventus, assicurandosi Orsolini per 15 milioni di euro pagabili in 3 tranche; dopo qualche giorno è arrivato il colpo inaspettato Bani, e proprio ieri è arrivata l'accelerata decisiva sia per Tomiyasu che per Denswil, con Bigon che ha festeggiato al meglio il compleanno.

Il giapponese era nel mirino della dirigenza rossoblù - oltre a quella laziale - da diverso tempo, con i contatti con il Club che detiene il suo cartellino, il Sint-Triuden, che proseguivano da settimane. Nella conferenza di presentazione Sabatini considerava già Tomiyasu come un giocatore del Bologna, anche se c'era da limare ancora il prezzo che i rossoblù hanno poi dovuto pagare al Club belga.
Alla fine il Bologna sborserà una cifra vicina ai 7 milioni di euro, e il difensore giapponese si unirà alla truppa di Mihajlovic per rinforzare una difesa che dovrà fare a meno, come ben sappiamo, del brasiliano Lyanco.
Notizia di ieri anche l'accelerata per Stefano Denswil, che molto probabilmente arriverà sotto le Due Torri per una cifra di poco superiore ai 6 milioni di euro. Il centrale scuola Ajax, di nazionalità olandese, ha giocato dal 2014 ad oggi in Belgio, nel Club Bruges, totalizzando 177 presenze, 10 gol e 5 assist.

Insomma il direttore sportivo rossoblù Bigon ha sistemato la retroguardia in meno di una settimana, mettendo a disposizione di Sinisa Bani, Tomiyasu e Denswil, oltre al già presente Danilo. Bisognerà capire la destinazione di Paz e il destino di Helander, anche lui prossimo alla cessione.
Un giocatore invece che non sarà più di proprietà del Bologna è Felipe Avenatti, che andrà allo Standard Liegi per 4 milioni di euro più bonus.

Il Bologna ad oggi non ha sbagliato un colpo. Trattenere Lyanco sarebbe stata la ciliegina su una torta già parecchio gustosa, ma Cairo è stato chiaro, ribadendo più volte l'incedibilità del centrale. Sistemare la difesa in così poco tempo non era affatto scontato, e confermare i giocatori offensivi che hanno consentito ai rossoblù di salvarsi, è stata la mossa che ha convinto fin da subito Mihajlovic ad accettare il rinnovo di contratto.

Davide Centonze

Appassionato di calcio e soprattutto tifoso rossoblu. Attualmente frequentante il corso di scienze della comunicazione con il sogno di diventare giornalista sportivo.