Bologna, conferenza stampa pre Cagliari

Scritto da  Ott 29, 2019

Tanjga e De Leo presentano la sfida di Cagliari: con loro Riccardo Orsolini.

Emilio, chi riuscirete a recuperare per la trasferta di Cagliari?

"Nessuno, ci saranno gli stessi domenica".

Santander sarà titolare?

"Vedremo oggi dopo l'ultima seduta"

Domanda per Orsolini: che momento vivi?

"La società ha fatto un grosso sforzo economico per tenermi qui. Cerco di dare sempre il massimo anche per questo".

De Leo, cercate creatività: si è vista contro la Sampdoria?

"Essere creativi vuol dire avere ulteriori armi, e questo si è visto. Orsolini deve semplicemente cercare di essere più imprevedibile e cercare di usare anche l'altro piede".

Quali aspettative sulla partita di domani?

DE LEO "Dobbiamo alzare l'asticella"

TANJGA "Come sempre, andremo la per provare a vincere"

Sulla partita con la Sampdoria: meglio il primo o il secondo goal?

"Direi perfetti entrambi. Il primo per la costruzione corale, il secondo per aver massimizzato al meglio una buona occasione".

Cosa manca ad Orsolini per il salto di qualità?

"Riccardo è un giocatore di spessore, quindi deve arricchire il suo bagaglio tecnico e cercare continuità in termini di prestazioni". 

Cosa ne pensate di Bani e della sua conferma positiva in difesa e anche in attacco?

DE LEO "Noi siamo molto contenti se difensori come Bani o Danilo possono aggiungersi ai marcatori titolari"

TANJGA "Bani è un giocatore molto duttile, non mi sorprende la sua prestazione".

Orsolini, cosa ti manca per ambire alla Nazionale?

"Per il momento penso solo a migliorarmi e far bene con questa maglia, poi si vedrà".

Il Cagliari può mettere in difficoltà il Bologna? E in che modo?

DE LEO "Non dobbiamo essere remissivi, dobbiamo mantenere il baricentro alto. Loro stanno facendo bene, ma noi dobbiamo andare là a testa alta."

TANJGA "Il Cagliari gioca sicuramente un bel calcio, ma noi dobbiamo sempre imporre il nostro".

 

Ultima modifica il Martedì, 29 Ottobre 2019 12:32
Stefano Brunetti

Bolognese e bolognista, blogger e poeta, filosofo e asceta, con particolare passione per i colori rossoblù: scrivo sul Bologna da quando sono in fasce, o forse anche prima. Autore su Mondo Bologna, ma anche scrittore, cantante, musicista: con Bologna sempre al centro, come unica fonte d'ispirazione. Cosa ne penso di Destro? Non penso. Pro o contro Donadoni? Neutro. Perché la maglia vien prima di tutto. Datemi dell'ignavo, del conservatore, del bigotto: ma a parte questo, giuro che ho anche dei difetti. Perché prima di tutto viene lei: la maglia del Bologna. 7 giorni su 7. E la maglia non si contesta: si ama. Anzi, di più: si adora.
Ed io, in fondo, non sono che questo: un adoratore seriale. Di professione.