Foto Bianca Costantini Foto Bianca Costantini

Virtus Segafredo-Treviso, Djordjevic: "Lotteremo per conquistare altri due punti importanti"

Scritto da  Nov 09, 2019

Dopo la vittoria ottenuta in EuroCup ai danni di ULM, la Virtus Segafredo si prepara ad affrontare in campionato la DeLonghi Treviso. Si tratta di un match importante per le Vu nere che, per la prima volta nella stagione, giocano nella nuova Virtus Seagfredo Arena cercando di mantenere l'imbattibilità. Queste le parole del coach bianconero, Sasha Djordjevic, alla vigilia del match:

“Domani inauguriamo il nostro nuovo Palazzo e lo facciamo affrontando una squadra tosta allenata da un ottimo coach come Max Menetti, protagonista in passato con Reggio Emilia. Ci aspetta una partita difficile sia dal punto di vista fisico che mentale perché affrontiamo una squadra che non molla mai. Menetti ha parlato di "killer instinct", noi comunque dobbiamo essere bravi a giocare la nostra partita partendo dalla difesa. Piedi per terra e domani lotteremo per conquistare altri due punti importanti. In questi giorni ci siamo allenati bene e più tardi ci alleneremo anche nel nuovo Palazzo”.

Le tue impressioni dopo la gara di EuroCup?

"Ci sono dei momenti in cui devo sottolineare degli aspetti. Quello che ho detto rispecchiava i miei pensieri dopo quella partita. In allenamento ho visto cose buone, vedremo domani cosa dirà la partita".

Hai già deciso chi far riposare?

“Vediamo, dipende tutto da oggi. Abbiamo fatto riposare un po’ Gamble perché aveva alcuni acciacchi, domani mattina decideremo”.

Treviso è una squadra molto abile nel tiro da tre che recupera molti palloni ma concede qualcosa a rimbalzo. Avete preparato qualcosa?

“Si, loro sono una squadra in grado di giocare con diversi quintetti, sono tosti e ben allenati ed hanno un ottimo giocatore come Nikolic che sta facendo grossi passi in avanti”.

Perchè pensi che l’entusiasmo sia un fattore negativo per il gruppo?

“Perchè ci sono alcuni componenti del gruppo che hanno esperienza ed altri no. Non parlo solo dei giocatori ma del gruppo in generale. Bisogna dare il tempo a tutti di capire quali sono i reali obiettivi e non è facile. E’ importante stare con i piedi per terra e guardare partita dopo partita, siamo partiti bene ma la stagione è lunga”.

Che impressioni hai avuto del nuovo palazzo?

“Ottime. Ho fatto i complimenti alla società per l’eccellente lavoro. E’ un grosso passo in avanti per la pallacanestro e per una società importante come la Virtus. Il nostro obiettivo è riportare Bologna nella massima competizione europea”.

 

 

Ultima modifica il Sabato, 09 Novembre 2019 16:28
Lorenzo Gaballo

Nato a Perugia, bolognese di adozione. Appassionato di sport,soprattutto di basket e calcio,sogno di diventare un giornalista sportivo e, mi auguro di trasformare la mia passione per lo sport in un lavoro.