BUNDESLIGA NEWS &... OLDIES! Juedische-sportstars.de

BUNDESLIGA NEWS &... OLDIES!

Scritto da  Apr 30, 2019

 

Servus, Freunde!

Al Signal-Iduna-Park lo Schalke fa suo il Revierderby in una gara da ricordare negli annali. In vantaggio con Götze, il Dortmund si vede raggiungere da un rigore di Caligiuri poco dopo e superare in seguito da Sane. Rosso diretto per Reus al quarto d'ora della ripresa poi ancora una punizione di Caligiuri aumenta ulteriormente il vantaggio degli ospiti. Rosso diretto anche per Wolf ed in nove i padroni di casa trovano il gol con Witsel ma due minuti più tardi Embolo chiude definitivamente la contesa. Non ne approfitta il Bayern Monaco, fermato sul pari da un ottimo Norimberga: Pereira ad inizio ripresa per i Franconi, poi ad un quarto d'ora dal termine il gol di Gnabry per la capolista. Il RB Lipsia si libera del Friburgo con le reti di Werner e Forsberg, rendendo vano il temporaneo pareggio di Grifo. Reti bianche tra Eintracht Francoforte ed Hertha Berlino ma il Borussia Mönchengladbach perde il treno, venendo superato a Stoccarda da un gol di Donis. Continua la pazza stagione del Leverkusen che dilaga ad Augusta: all'iniziale vantaggio bavarese di Danso rispondono Volland, Havertz, Tah e Brandt. Stesso punteggio per il Wolfsburg ad Hoffenheim: Biancoblu avanti con Szalai ma William, Arnold ed una doppietta di Weghorst regalano i tre punti alla banda Labbadia. Gara speculare a Düsseldorf dove Raman, Karaman, Hennings e Suttner travolgono il Werder Brema cui non serve il gol di Kruse. In coda il gol di Weydandt al Magonza tiene ancora in vita l'Hannover. Le uniche cose certe, a questo punto del torneo, sono che Bayern, Dortmund e RB Lipsia giocheranno la Champions League e che dal Magonza in su sono tutte salve. Ma c'è ancora molto da dire...

 

RISULTATI

Augusta-Bayer Leverkusen 1-4

Borussia Dortmund-Schalke 04 2-4

RB Lipsia-Friburgo 2-1

Eintracht Francoforte-Hertha Berlino 0-0

Hannover 96-Magonza 1-0

Fortuna Düsseldorf-Werder Brema 4-1

Stoccarda-Borussia Mönchengladbach 1-0

Hoffenheim-Wolfsburg 1-4

Norimberga-Bayern Monaco 1-1

 

CLASSIFICA

Bayern Monaco 71

Borussia Dortmund 69

RB Lipsia 64

Eintracht Francoforte 54

Borussia Mönchengladbach e Bayer Leverkusen 51

Hoffenheim 50

Wolfsburg 49

Werder Brema 46

Fortuna Düsseldorf 40

Hertha Berlino 37

Magonza 36

Friburgo 32

Augusta 31

Schalke 04 30

Stoccarda 24

Norimberga 19

Hannover 96 18

 

Maggio è alle porte ed è proprio il 3 Maggio 1889 che nasce, a Karlsruhe, Gottfried Fuchs. Forma con Julius Hirsch e Frtiz Förderer l'attacco delle meraviglie del Karlsruher FV che diventa campione dell'Impero nel 1910 e, con i suoi compagni di reparto, si può considerare uno di primi idoli popolari del calcio tedesco. C'è un ragazzino, in particolare, che lo ammira senza riserva, al punto di definirlo - anni più tardi - il "Beckenbauer della mia gioventù": è di una città vicina, Mannheim, e si chiama Sepp Herberger. Gioca sei volte con la nazionale tedesca, mettendo a segno 13 reti: la sua media gol con la Weißtrikot, 2,17, è ancora oggi la più alta della storia. Ha un altro record, quello del maggior numero di reti segnate in una sola gara con la Mannschaft: 10, nel 16-0 rifilato alla malcapitata Russia alle Olimpiadi di Stoccolma. Sarà record mondiale (per squadre nazionali, in gare ufficiali) fino all'11 Aprile 2001, quando l'australiano Archie Thompson andrà a segno 13 volte contro le Samoa Americane (finirà, come ben sapete, 31-0). Mandato al fronte durante la prima guerra mondiale, finisce come giocatore-ospite allo SC Düsseldorfer 99 e viene ferito quattro volte: rientrato a casa gioca ancora qualche anno, sempre nel Karlsruher con cui chiude la carriera nel 1926. Sembra finita qui ma non è che l'inizio. All'entrata in vigore delle leggi razziali Gottfried e la sua famiglia capiscono che il Reich non è più posto per loro e riparano in Svizzera: da qui Gottfried si trasferirà prima in Francia e poi, nel 1940, in Canada mentre il fratello Richard, un noto architetto e compositore, muoverà verso la Nuova Zelanda. Il suo compagno Julius Hirsch resterà in patria e pagherà con la vita le sue origini. Ma un idolo non può essere ebreo ed il regime inizia a "cancellarlo": dagli annali, dagli almanacchi, dalla storia del calcio tedesco. Non solo Gottfried Fuchs non esiste più (in Canada è diventato Godfrey Fochs) ma non è mai esistito. A conflitto terminato sarà proprio quel ragazzino, Sepp Herberger, a restituire alla memoria collettiva il suo beniamino ed amico, ricostruendo pazientemente le sue gesta in campo. Per lui, però, non è abbastanza. Gennaio 1972: a Maggio verrà inaugurato lo stadio Olimpico di Monaco di Baviera. Sepp Herberger scrive al vice-presidente della DFB Hermann Neuberger suggerendo di invitare Gottfried all'inaugurazione del nuovo complesso a spese della federazione: un gesto che restituirebbe l'onore al campione del passato e che, in ottica olimpica, avrebbe una positiva eco internazionale. La risposta si fa attendere oltre un mese ed è negativa. Il tesoriere Hubert Claessen afferma che "si creerebbe un precedente che potrebbe portare oneri significativi per il futuro". Sepp sa bene che non costituirebbe alcun precedente: Fuchs è l'unico nazionale tedesco di origine ebrea sopravvissuto all'Arierparagraph. Vale lo stesso per i paventati oneri: un biglietto andata/ritorno Montréal-Francoforte costa 1760 marchi e la DFB ne pagherà 10mila ad ogni giocatore campione d'Europa pochi mesi dopo. Sembra, in realtà, che tre consiglieri abbiano posto il veto all'operazione: Hans Deckert, di Schweinfurt, Degenhard Wolf, di Colonia (ex-membri del NSDAP) e Rudolf Gramlich, di Francoforte (ex-membro delle SS). Profondamente deluso, Sepp Herberger scrive all'amico in Canada le motivazioni di quel rifiuto ma Gottfried non leggerà mai quella lettera: un attacco di cuore gli è stato fatale il 25 Febbraio. Solo nel 2013, il municipio di Karlsruhe gli dedica una piccola piazza nei pressi dell'università.

(nella foto il Karlsruher FV campione nel 1910: Gottfried Fuchs è il primo seduto a sinistra)

Per domande, approfondimenti e curiosità potete venirmi a trovare su FUSSBALL, BITTE! o scrivere a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

Friedl25

 

Federico Belfiore

Fondatore ed Admin, in ottima compagnia, del gruppo Facebook FUSSBALL, BITTE!, appassionato di calcio e tifoso dalla tenera età di 6 anni (oggi sono un po' di più...) del Bayern Monaco e della nazionale Tedesca.