La FIFA cambia alcune regole del calcio, ecco tutte le novità

Scritto da  Giu 02, 2019

Dal 1° giugno sono in vigore le nuove regole FIFA approvate a Marzo, regole che in realtà chi segue il Mondiale Under20 ha già visto applicare più volte e che però ora saranno valide per tutte le competizioni FIFA e che dal 25 Giugno saranno operative anche in tutti i tornei legati alla UEFA, iniziando dai preliminari di Champions League. Nulla di troppo trascendentale, ma tanti piccoli nuovi accorgimenti che cambieranno parecchie sfaccettature del gioco più amato al mondo. Ecco come cambierà il calcio da questo mese:

 

ABOLITA LA PALLA A DUE
Viene abolita la “palla a due”, dalle prossime partite l’arbitro consegnerà la palla direttamente a chi la deve giocar e l’avversario dovrà rispettare una distanza di minimo quattro metri.

 

CARTELLINI PER GLI ALLENATORI
Entra in vigore il sistema dei cartellini anche gli allenatori, l’arbitro sarà quindi tenuto a mostrare prima il giallo e poi eventualmente il rosso ad un tecnico che non rispetti il regolamento. La squalifica dovrebbe essere sempre scontabile nella partita successiva.

 

ATTACCANTI E BARRIERA
Viene ripetuto il concetto che la barriera serve per la squadra che difende, quindi per evitare comportamenti giudicati anti-sportivi, gli attaccanti potranno posizionarsi solamente ad una distanza minima di un metro, in qualsiasi direzione, rispetto alla barriera difensiva.

 

CAMBI PIU' RAPIDI
Con l’obiettivo di aumentare il tempo effettivo di gioco, al momento della sostituzione verrà permessa l’uscita dal campo nel punto più vicino al giocatore, senza l’obbligo di recarsi a centrocampo.

 

CARTELLINO PRIMA O DOPO LA PUNIZIONE
Una volta ottenuto un calcio di punizione, sarà possibile batterlo velocemente anche in caso di sanzione arbitrale. Si potrà quindi battere una punizione prima che l’arbitro abbia ammonito o espulso un giocatore, che riceverà la propria sanzione al termine dell’azione fatta partire con la punizione battuta velocemente.

 

FALLO DI MANO
Fermo restando che ogni tocco volontario con le braccia, resta sanzionato, si introduce l’obbligo di fischiare il fallo ogni volta che il braccio che colpisce il pallone sia all'altezza delle spalle o sopra la linea delle stesse e in ogni caso ogni volta in cui il braccio sarà più largo del corpo e in posizione innaturale.  Viene modificato anche il GOAL CON TOCCO DI MANO, infatti viene cancellata la “volontarietà”. Ogni rete realizzata con un tocco di mano, anche involontario, sarà annullato.

 

L'ARBITRO NON FARA' PIU' GIOCO
Sono di pochi giorni fa le immagini di una squadra che subisce gol perché un difensore rinvia il pallone contro l’arbitro e la palla finisce in rete, ovviamente convalidata in quanto l’arbitro era considerato come una parte del campo. Ora non sarà più possibile, nel caso in cui il tocco dell’arbitro favorisca un assist o addirittura un goal il gioco sarà fermato, se questo avviene in area di rigore, la palla andrà sempre al portiere.

 

POSIZIONE DEL PORTIERE IN CASO DI RIGORE
Decade l’obbligo per il portiere di avere entrambi i piedi sulla riga di porta, da oggi potrà averne uno oltre questa linea al momento del calcio. Non potrà però averli entrambi lontani dalla riga, oppure il Var potrà intervenire e fare ripetere il rigore in caso di errore dell’attaccante.

 

RIMESSA DAL FONDO
Non sarà più necessario attendere l’uscita della palla dall’area di rigore sulla rimessa dal fondo, i difensori potranno dunque ricevere il passaggio del portiere all’interno della stessa area di rigore. Gli attaccanti potranno intervenire dopo il primo tocco.

 

Ultima modifica il Domenica, 02 Giugno 2019 09:03
Simone Zanetti

Simone Zanetti (aka Eldias), parte del Direttivo di 1000 Cuori Rossoblu e (presunto) web-master del sito.
Appassionato di Bologna ed Archeologia, oltre a tifare Bologna FC e Fortitudo Baseball, tifa (inspiegabilmente) per il Cruz Azul.