STADIO: Aspettando gennaio, Donadoni prepara lo sprint natalizio - 25 nov

Scritto da  Nov 25, 2015

Sabato, questo sabato, il Bologna va in Piemonte, ospite del Torino. Poi domenica 6 dicembre torna a casa per affrontare il Napoli di Sarri, per poi chiudere l'anno con altri due impegni al sabato, Genoa in trasferta e Empoli in casa. Detto che il rispetto ci vuole per ogni avversario, è chiaro che tolti gli azzurri campani nessuna delle restanti squadre appare ostacolo proibitivo, ed ecco quindi che in casa-Bologna c'è la convinzione che il periodo positivo arrivato con Donadoni continuerà fino a gennaio, quando potrebbe arrivare sotto le Due Torri qualche rinforzo - il giornale parla di Iturbe dalla Roma.

Furio Zara, sulle pagine di "STADIO", analizza il momento del Bologna stilando una mini-classifica che comprende le ultime tre giornate, ovvero da quando Roberto Donadoni ha preso il posto di Delio Rossi sulla panchina rossoblù. La vita è cambiata, c'è poco da discutere: il Bologna era penultimo in classifica a soli 6 punti, uno in più di Carpi e Verona e quattro in meno del Frosinone quart'ultimo. Bene, con i 7 punti presi negli ultimi tre match ecco che i felsinei si sono tirati fuori dalla zona-retrocessione, hanno Carpi e Verona a -6 e anche il Frosinone adesso è distante due punti. E poi? Ridotta anche la distanza da Empoli, Udinese e Palermo, prima a -5 e adesso a -2. La morale di questi calcoli Zara la spiega semplicemente: in fondo alla classifica il Bologna è l'unica squadra che corre. Ecco perché lo "sprint natalizio", le quattro gare che mancano alla chiusura dell'anno, diventano fondamentali: dovesse mantenere questo passo il campionato diventerebbe tutto a un tratto molto molto interessante per i rossoblù, che potrebbero pensare a qualcosa di più che a una salvezza anticipata. Sotto a chi tocca, dunque, il Bologna va di fretta. 

foto: Valentino Orsini/1000 Cuori Rossoblù

Ultima modifica il Sabato, 27 Agosto 2016 19:17
Simone Cola

Scrive per 1000 Cuori Rossoblu dal 2013, è anche autore del blog "L'Uomo nel Pallone" in cui scrive di storie dei calcio