RS-STADIO: Borini, Defrel, Destro oppure Okaka? A Bologna è il ballo delle punte - 23 giu

Scritto da  Giu 23, 2015

L'Inter ha preso Kondogbia, la Juventus Mandzukic, e mentre la Roma stringe per Iago Falqué e Bertolacci e la Fiorentina ufficializza Paulo Sousa nuovo allenatore il Bologna che fa? Studia, aspetta, cerca di capire quali sono i migliori colpi da seguire, da osare, quali quei giocatori che mescolino al meglio qualità e prezzo, che Saputo i soldi li ha ma non li vuole buttare. "STADIO" in edicola oggi racconta che serve una punta, e che mentre due profili si allontanano altri due si avvicinano al rossoblù: chi si allontana è Gregòire Defrel, talento francese del Cesena, che sembra indirizzato verso un ritorno in patria, nella Ligue 1, almeno ascoltando le parole del suo procuratore. Come lui si allontana anche Destro, davvero troppo costoso sia per cartellino che per ingaggio: sarebbe suggestivo un suo arrivo, ci si proverà comunque perché è giovane, forte, italiano e in cerca di affermazione definitiva.  Sarebbe bello. Stesso profilo di Fabio Borini del Liverpool, che se non altro sembra più vicino perché il contratto gli scade tra un anno e i "Reds" hanno già fatto capire che non ci puntano per il futuro: 24 anni, Borini potrebbe tornare in Italia come figliol prodigo ed esplodere. Il problema? Il giocatore piace, il cartellino costa il giusto ma lo stipendio è tosto, decisamente fuori dai parametri indicati da Saputo. E allora ecco Stefano Okaka, in uscita dalla Sampdoria: stipendio accettabile, un anno di contratto, virtualmente già fuori dal futuro blucerchiato. Fisico, potenza, la giusta esperienza per i suoi 24 anni, capace di segnare e di manovrare. E se fosse lui il bomber rossoblù del prossimo futuro?

Ultima modifica il Sabato, 27 Agosto 2016 19:57
Simone Cola

Scrive per 1000 Cuori Rossoblu dal 2013, è anche autore del blog "L'Uomo nel Pallone" in cui scrive di storie dei calcio