Stampa questa pagina

RS - Rdc: Oikonomou si "prende" il Bologna - 24 Set

Scritto da  Davide De Stradis Set 24, 2014
Ieri sera allo stadio Libero Liberati di Terni, nel primo dei cinque turni infrasettimanali previsti dal calendario, il Bologna di Lopez è riusciuto a strappare tre punti fondamentali per il prosieguo del campionato cadetto. Grande protagonista nonchè match-winner a sorpresa, il ventiduenne greco Marios Oikonomou. Prestazione maiuscola la sua, che entrato solamente dopo 22 minuti di gioco al posto dell'infortunato Paez, ha dato solidità al reparto difensivo ed è stato un toccasana per il gioco aereo dall'alto dei suoi 190 cm. Oltre ad offrire il normale contributo in fase difensiva, come dicevamo, Oikonomou ha deciso il match grazie ad una splendida incornata in avvio di secondo tempo, che ha fatto esplodere i tifosi rossoblù al seguito della squadra. Il greco nel dopopartita è sembrato abbastanza modesto: "L'ho presa qui - indicando la tempia - ed è andata dentro, succede. Sono contento per aver segnato, ma sono ancora più contento per la vittoria, che serve a darci la giusta convinzione e a trasmetterci tranquillità visto che intorno a noi c'è davvero troppa pressione. Chiediamo solo pazienza, perchè siamo una squadra nuova con ragazzi che non hanno mai giocato assieme, quindi serve tempo" e continua dedicando il gol ai compagni: "Questo gol lo dedico alla squadra, che stasera mi ha aiutato davvero tanto. Da Maietta a Garics, a Coppola, tanto per citarne tre, che mi hanno indicato sempre la giusta posizione da tenere". Anche il tecnico Lopez in sala stampa a fine partita è sembrato molto soddisfatto della prova del ragazzo, che lui stesso fece esordire in A lo scorso 6 aprile ai tempi in cui allenava il Cagliari, nel match interno perso contro la Roma: "Sono molto contento per Marios, è un ragazzo che lavora tanto e che non stava trovando molto spazio", ed effettivamente in campionato fino a ieri per Oikonomou era stato buio pesto. Adesso dopo la prestazione di ieri sera probabilmente Lopez rivedrà le gerarchie difensive, e concederà qualche chance in più al greco che cercherà a sua volta di farsi trovare pronto per l'occasione. Dopo Konè e Lazaros, per il Bologna è ancora "salsa greca". 



Ultima modifica il Sabato, 27 Agosto 2016 21:21