RS - STADIO: Bologna, prima i pagamenti e poi le nomine - 11 dic

Scritto da  Dic 11, 2014


"Stadio" torna sulla situazione economica del Bologna, un leit-motiv che si spera sarà finalmente messo da parte lunedì, quando scadranno i termini previsti e Saputo e soci dovranno tirare fuori i 23 milioni previsti per irpef, fideiussioni, iva e stipendi. Fino a quel giorno però probabile che si parlerà quotidianamente delle scadenze di un Bologna che attende di mettersi alle spalle questa questione prima di cominciare ufficialmente con un giro di deleghe che prima di tutto richiede il potere dell'ufficialità.
Per questo Pantaleo Corvino continua ad essere il DS "in pectore" del Bologna, lavorando sottotraccia al mercato di gennaio ma senza quel potere di firma che gli renderebbe il compito più agevole, così come lo renderebbe più agevole nel caso (certo) in cui volesse occuparsi del Settore Giovanile. Il dirigente pugliese avrebbe comunque già concordato con Claudio Fenucci una strategia sul mercato, da attuare però quando finalmente Saputo sarà Chairman e tutto il resto sarà una conseguenza. 
E Fusco? Rimarrà, forse. O forse no. E Di Vaio? Sarebbe in corsa con Joe Marsilli per la poltrona di vice-presidente. E Guaraldi? L'ex-presidente avrebbe mandato una lettera di ufficiale richiesta di pagamento, dando un massimo di dieci giorni alla nuova società. Oggi i giorni sono già nove. Presto questa storia sarà dunque finita, e a Bologna si potrà tornare a parlare di calcio giocato. 

Ultima modifica il Sabato, 27 Agosto 2016 20:59
Simone Cola

Scrive per 1000 Cuori Rossoblu dal 2013, è anche autore del blog "L'Uomo nel Pallone" in cui scrive di storie dei calcio